Gabinetto dei disegni, Milano

Gabinetto dei disegni, Milano
Gabinetto dei disegni, Milano

Appartenente alle cospicue raccolte artistiche del Castello Sforzesco di Milano, l’Istituto conserva oltre ventisettemila esemplari dal XV al XX secolo: dagli elaborati grafici preliminari alla realizzazione di opere figurative, architettoniche e di arti decorative, a disegni di autonoma valenza artistica.

La formazione della raccolta risale ai legati ottocenteschi di Pompeo Marchesi, Antonio Guasconi, Gian Giacomo Attendolo Bolognini, Camillo Tanzi. Per le successive acquisizioni, vanno ricordati i disegni provenienti da artisti o collezionisti quali Carlo Amati, Luca Beltrami, Juan Bernasconi, Amero Cagnoni, Ausonio Canavese, Antonio Durini, Paolo Gaffuri, Vittore Grubicy, Gaspare Gussoni, Giuseppe Maggiolini, i fratelli Mora, Pompeo Mariani, Alfonso Orombelli, Oreste Silvestri, Luigi Alberico Trivulzio, Isaia Zancone. Si registrano in particolare notevoli documenti figurativi d’ambito lombardo, veneto e veneziano, nonché nuclei cruciali per la storia del disegno dal Neoclassicismo al Futurismo.

Tra gli insiemi distintivi dell’Istituto vi sono fogli antichi appartenuti al celebrato conoscitore Giovanni Morelli; esemplari preparatori di pittori lombardi del Cinque e Seicento pervenuti dalla chiesa milanese di Santa Maria presso San Celso; tomi con progetti architettonici di artisti barocchi.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione MILANO iscriviti alla nostra newsletter