Cosa fare ad Atene in un weekend

Atene è una della città più antiche del pianeta e non basta un weekend per visitare. Se non avete molto tempo, ecco un itinerario per un weekend ad Atene.

Atene cosa vedere: il PartenoneAtene cosa vedere: il Partenone

Atene un luogo dove storia e mito hanno confini labili e dove, nonostante il “logorio della vita moderna”  (metropoli sconfinata e caotica, con seri problemi di traffico, inquinamento e, purtroppo, di crisi economica), non si può non mettere piede almeno una volta nella vita. Atene è la città di Teseo e di Pericle, di Socrate e Platone regala luoghi di una forza unica, che dopo millenni sanno ancora trasmettere un’energia, una vertigine particolare.

L’Acropoli di Atene

Per una visita di un weekend ad Atene, conviene partire subito dall’Acropoli, cuore dell’epoca classica, che significa città alta, appollaiata su un rilievo roccioso a 156 metri sul livello del mare.

L’Acropoli si raggiunge da Porta Beulé, oltre la quale spuntano i monumentali Propilei, danneggiati nel XVII secolo dai veneziani e successivamente ripristinati. Raggiunta la zona monumentale, non rimane che lasciarsi rapire dalla bellezza e dalla maestosità del Partenone, il tempio simbolo dell’Acropoli (447-438 a.C.), dall’armonia perfetta delle sue linee, degli spazi e dei volumi; dal gioco di quelle 46 colonne doriche che il sole avvolge in una luce calda; dall’eloquenza delle scene scolpite sui frontoni, opera del grande Fidia e della sua scuola.

A nord del Partenone spunta l’Eretteo, con le famose Cariatidi, sei statue raffiguranti giovani donne, che sostengono il portico meridionale. Tappa da non mancare, è la nuova sede del Museo dell’Acropoli, inaugurata  nel 2009, che raccoglie tutti i reperti dell’area (anche le statue originali delle Cariatidi), con percorsi di visita molto interessanti.

Plaka, il quartiere di Atene più naif

Ai piedi della città alta, si stende uno dei quartieri più naif di Atene, quasi interamente pedonalizzato: la Plaka, dedalo di vicoli, stradine, passaggi, edifici angusti, che racconta del tempo in cui gli ateniesi furono soggiogati dai turchi. Uno degli angoli più vivaci e accoglienti della città, una piacevole babele di locali, taverne, negozi di souvenir e generi vari. Odos Adrianou ne è l’arteria principale, una specie di spartiacque tra la città antica e quella moderna.

Atene cosa vedere: vista notturna della capitale della GreciaAtene cosa vedere: vista notturna della capitale della Grecia

Atene e l’archeologia

Come in tutte le metropoli, gli spunti di visita sono innumerevoli. Chi vuol fare il pieno di classicità e archeologia, non perda il Tempio di Zeus Olimpico o quello di Efesto; l’Agorà, l’antica piazza del mercato; il Keramikos, cimitero monumentale dal XII secolo a.C.; o il Museo Archeologico, con una delle più ampie raccolte al mondo di reperti (c’è anche la maschera funebre del re Agamennone ritrovata a Micene dallo Schliemann) e arte greca dalla preistoria all’epoca romana.

Atene e i locali

Chi è invece attratto da una Atene moderna, più mondana e modaiola, può setacciare quartieri come quello di piazza Syntagma, sede del Parlamento (non lontano, ci sono i Giardini Botanici Nazionali); di Ermou, paradiso dello shopping elegante; e la vivacissima riviera, da Paleon Faliron a Kalamaki, Alymat, Glyfada, Vouliagmeni, Lagonisi, dove si concentrano ristoranti e i locali più famosi e ricercati.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Atene Grecia iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*