Zecche su volo Ryanair a Ciampino da Londra: le prime ricostruzioni

Allarme zecche su un volo Ryanair atterrato a Roma Ciampino e in arrivo da Londra: molte le persone colpite e finite al pronto soccorso. Ecco cosa è accaduto.

Zecche a bordo del volo Ryanair Londra-RomaZecche a bordo del volo Ryanair Londra-Roma

Si sta diffondendo in queste ore la notizia secondo la quale nella giornata di ieri, giovedì 6 settembre 2012, numerosi passeggeri a bordo di un volo Ryanair avrebbero subito i morsi delle zecche.
Stando alle prime ricostruzioni, effettuate tra gli altri dal quotidiano “Il Messaggero” – molti viaggiatori sul volo Londra – Roma Ciampino avrebbero iniziato a lamentare forte prurito, soprattutto alle gambe.
Una situazione generalizzata che ha indotto le persone colpite da prurito a recarsi presso il pronto soccorso dello scalo aeroportuale di Ciampino, non appena atterrati.
Qui l’amara scoperta: i medici si sono resi conto che le manifestazioni cutanee derivavano dalle punture di zecche.
La constatazione ha fatto immediatamente scattare le misure previste dal protocollo internazionale, con invito dalle autorità portuali direttao al comandante dell’aereo di parcheggiare il velivolo in una piazzola.
L’aereo era infatti già in fase di preparazione per ospitare a bordo i passeggeri del volo successivo, diretto a Bari.
Una situazione del genere non era ancora mai capitata presso lo scalo di Ciampino e così, per evitare eventuali altre ripercussioni e in via precauzionale, si è deciso di approntare una profonda disinfestazione dell’aeromobile, effettuata dal personale addetto alla sanità aerea.
Le operazioni si sono concluse solo in tarda serata e nel frattempo Ryanair ha potuto trovare un altro velivolo per far viaggiare i passeggeri diretti a Bari, atterrati a destinazione con circa mezz’ora di ritardo.
Quanto alle persone colpite dalle zecche, da parte loro è stato presentato un formale esposto al comando di polizia situato in aeroporto per denunciare l’accaduto e per far luce su quanto successo.
Le autorità dovranno ora stabilire se le zecche erano già presenti sull’aereo o se qualcuno dei passeggeri le ha portate a bordo.
Di certo non sarà semplice dimostrare cosa sia effettivamente avvenuto.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Roma iscriviti alla nostra newsletter