Weekend tra le meraviglie archeologiche della Sardegna

Isola ricca di storia, eventi culturali, folclore e tradizioni, la Sardegna è uno dei patrimoni turistici italiani più conosciuti al mondo.

Collocata nel cuore del Mediterraneo, a pochi km dalle coste della Corsica, la Sardegna occupa uno spazio di oltre 24.000 km². Ciò che la caratterizza è, in primo luogo, una natura rigogliosa, un litorale particolarmente affascinante e la presenza di splendide città d’arte. Il tutto condito da un bagaglio di tradizioni, dialetti e cultura che ne tracciano la diversità e, nello stesso tempo, il successo come territorio turistico.

Di qualsiasi tipo di vacanza abbiate bisogno, sappiate che la Sardegna saprà esaudire tutti i vostri desideri. Gli appassionati di archeologia potranno, ad esempio, impegnare il proprio tempo sull’isola esplorando i siti storici in cui sono conservati i resti della civiltà nuragica. Parliamo di migliaia di abitazioni risalenti al secondo millennio a. C., disseminate un po’ su tutto il territorio sardo. Tra i complessi più importanti ricordiamo quello di Su Nuraxi (Barumini, provincia del Medio Campidano), di Santu Antine (Torralba, provincia di Sassari) e di Losa (poco distante da Abbasanta, in provincia di Oristano).

Altri siti archeologici degni di menzione sono lo splendido anfiteatro romano di Cagliari (II secolo d. C.), i complessi sepolcrali noti sotto il nome di Domus de janas, le imponenti tombe dei giganti e le antiche pinnettas, costruzioni in pietra situate principalmente nella zona centro-orientale.

A tale ricchezza archeologica corrisponde una altrettanto vasta varietà artistica che potrete ammirare con i vostri occhi visitando città come Cagliari, Sassari e Alghero.

La Sardegna è collegata con la penisola italiana anche grazie a un funzionale servizio di navigazione. Le compagnie che garantiscono tale servizio sono numerose, mentre i collegamenti sono disponibili con buona parte dei porti italiani.

Chiaramente la disponibilità, così come le offerte dei traghetti per la Sardegna, variano molto a seconda del periodo in cui decidete di partire. Nei mesi estivi, le corse sono più numerose, dato il maggior flusso turistico, mentre nel periodo autunnale e invernale c’è una riduzione degli orari e delle tratte disponibili.

Se volete partire alla volta dell’isola vi consigliamo sempre di organizzare con un certo anticipo la partenza, in modo tale da poter usufruire dei prezzi migliori.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:


Vedi anche » ,

Informazioni utili

Cosa vedere a Barumini   Dove dormire a Barumini
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Barumini iscriviti alla nostra newsletter