Viaggio a Memphis sulle tracce di Elvis Presley

Quality Group propone un viaggio straordinario sulle tracce del "Re del Rock 'n Roll" Elvis Presley a Memphis, nel Tennessee.

Graceland, la Casa di Elvis Presley a Memphis, nel Tennessee (Stati Uniti)Graceland, la Casa di Elvis Presley a Memphis, nel Tennessee (Stati Uniti)

La casa di Elvis Presley, a Memphis, è il secondo luogo più visitato in tutti gli Stati Uniti. Elvis Presley è scomparso da oltre quarantanni e, America World operatore di Quality Group” propone un viaggio sulle tracce del “Re del Rock ‘n Roll”.

Il tour è di 6 giorni e 4 notti ed è tutto dedicato ai fan del re del rock. Partenza il 13 agosto, con tappe nei luoghi storici e quelli più cari alla star.

Si parte da Milano per Memphis con volo di linea e la sistemazione è prevista al Courtyard by Marriott Downtown Memphis.

Memphis Elvis Presley

Primo e secondo giorno del tour a Memphis

Il primo giorno a Memphis è libero per girare a proprio piacimento la città che per celebrare l’anniversario, prevede eventi e celebrazioni musicali e non. Ottima occasione per fare shopping, assaggiare una birra e la cucina tipica del sud americano nei locali tipici, vedere il National Civil Rights Museum con le testimonianza della lotta per i diritti civili e per un po’ di vita notturna a Beale Street, il quartiere nero di Memphis, dove Elvis comprava i suoi vestiti a poco prezzo, dopo che la famiglia si trasferì da Tupelo. E fu proprio qui che a contatto con la comunità di colore, ascoltò blues e gospel che tanto influenzò la sua creatività musicale. Questa vicinanza lo portò a sviluppare un atteggiamento completamente antirazzista: era un vero e proprio  rivoluzionario per l’America degli anni 50, figuriamoci per gli stati del Sud.

Terzo giorno Graceland, casa di Eliz Presley a Memphis

Il terzo giorno il viaggio entra nel vivo con la visita di Graceland, acquistata a Memphis da Elvis all’inizio del 1957 grazie ai proventi della sua straordinaria carriera artistica e poi adattata, col passare degli anni, alle sue esigenze e ai suoi gusti stravaganti. Oggi è una specie di mausoleo, considerata dagli americani alla pari di un monumento nazionale. Qui si trova anche l’ Automobile Museum, con più di venti veicoli, fra cui la famosa cadillac rosa, l’Elvis Custom Jet, in cui ammirare i due aerei di proprietà del Re, fra cui il “ Lisa Marie”, una vera e propria suite volante con divani in pelle e rubinetti d’oro che Elvis usava durante gli spostamenti per i suoi tour, il Meditation Garden, situato proprio fuori dalla villa, dove riposano Elvis e i membri della sua famiglia. Proprio a Graceland, Elvis Presley morì, lasciando i fan disperati e centinaia di leggende che lo vedono invece vivo e vegeto altrove.

Graceland

Graceland, la tenuta diventata museo sulla vita di Elvis Presley, amplia le zone visitabili aprendo anche le stalle. Su iniziativa di Priscilla Presley, la vedova della leggenda del rock’n’roll, è stato inaugurato ieri The Elvis Prisley Stable Tour, un ulteriore percorso all’interno di Graceland, meta di devoto pellegrinaggio dei numerosissimi fan di Elvis.
Questa favolosa casa, dove il tempo sembra essersi fermato e dove si respira forte ancora la presenza di Elvis, si trova al 3734 del Boulevard Elvis Presley a Memphis.

L’apertura delle stalle è solo l’ultima annessione in ordine di tempo dei vari ambienti della villa aperta per la prima volta nel 1982. All’interno è possibile visitare la zona dedicata agli anni del servizio militare di Elvis, i costumi di scena usati durante i concerti, gli aerei privati, le automobili e tante memorabilia dei set cinematografici e della vita quotidiana del re del rock.
Esistono diverse tipologie di tour di Graceland, a seconda del tempo a dispozione e delle sezioni che si desidera scoprire; si va da una visita sommaria di circa 1 ora con l’ausilio di audio tour, fino al pacchetto completo Tour VIP Graceland Elvis Entourage, consigliato per visite davvero nel dettaglio.

Quasi all’uscita da questo viaggio nella vita di Elvis, ecco arrivare il momento di pregare sulla tomba di Elvis, costantemente curata e ricolma di fiori e lettere che, tutt’oggi, i fan scrivono ad Elvis.

Il periodo clou per visitare Graceland è ad agosto, in occasione della commemorazione della morte di Elvis, oppure a gennaio per l’Elvis Birthday celebration. Inutile sottolinare che, in questi frangenti, la folla che ci si raduna è consistente e bisogna tenerne conto se si desidera visitare Graceland con calma e in tranquillità.

Cimeli del re del Rock 'n Roll davanti a Graceland, la Casa di Elvis Presley a Memphis, nel Tennessee (Stati Uniti)Cimeli del re del Rock 'n Roll davanti a Graceland, la Casa di Elvis Presley a Memphis, nel Tennessee (Stati Uniti)

Quarto e quinto giorno

Il quarto giorno è dedicato alla visita della sua città natale, Tupelo, e alla sua umile casetta di legno di sole 2 stanze dove Elvis nacque nel 1935, insieme al fratello gemello che morì appena nato. La famiglia era poverissima, il padre non aveva un lavoro fisso e la madre svolgeva lavoretti precari. Nei dintorni della casa di Elvis da non perdere una camminata lungo il Walk of Life, un percorso di lastre di marmo che ripercorrono anno dopo anno gli eventi principali della carriera di Presley, al termine del quale svetta una statua a grandezza naturale che raffigura il cantante all’età di 13 anni mentre passeggia con una chitarra in mano fra le vie di Tupelo.

Sesto giorno

L’ultimo giorno, mattinata libera per ultimi acquisti e partenza per l’Italia con arrivo il giorno seguente.

Quanto costa il tour sulle tracce di Elvis Presley a Memphis

La quota di partenza è da € 1.720 a persona e include i voli a/r dall’Italia, la sistemazione in camera doppia in hotel con trattamento di pernottamento e prima colazione, le visite e gli spostamenti in pullman, la presenza di un accompagnatore dall’Italia. Tasse aeroportuali di circa € 360 a persona, quota di iscrizione di € 90.

Tour Operator: Quality Group

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione MEMPHIS iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 389 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*