Viaggio a Ladakh

La programmazione si arricchisce di una nuova meta: il nostro Ladakh. Nostro perché, a dispetto di quanti lo considerano meta esclusiva per viaggi avventura e trekking estremi, possiamo oggi proporre un viaggio per tutti, un mix tra cultura e natura.

Un mondo di pietra e di deserti d’alta quota, di monasteri, e sullo sfondo le cime dell’Himalaya: altissime, perennemente innevate. Un mondo definito a volte come “il piccolo Tibet” per l’aderenza stretta ai dettami del buddismo tibetano, osservato e praticato dalla maggioranza della popolazione, unito a grande tolleranza per le altre religioni. Fatica e solitudine sono le grandi compagne di questo piccolo popolo, poche persone – solo 150.000 in un territorio grande come un terzo dell’Italia – sparse nei villaggi, sorti attorno ai famosi monasteri: centri di aggregazione, circondati dalle case dei villaggi, gareggiano nell’avere il maggior numero di opere d’arte.
Il nostro viaggio percorre le strade tracciate in centinaia di anni di percorso a dorso di mulo, o sugli asini, oggi soppiantati dai fuoristrada e dai minibus. Scopo dei nostri viaggi è conoscere i popoli e le loro tradizioni, così come gli spettacoli più suggestivi ed incontaminati della natura, rispettando usanze e tradizioni locali e cercando di non contaminare culture diverse dalla nostra.
Ladakh
Precluso al turismo occidentale fino alla metà degli anni Settanta, e accessibile, per motivi climatici, soltanto da maggio a settembre. E’ necessario ottenere, anche nostro tramite, il visto India. Partenza speciale per Ferragosto 2006: dal 7 al 16 Agosto.

Un viaggio in questo paese va affrontato nel modo giusto, preparato con cura, affidandosi a specialisti che visitano spesso i paesi di cui parlano e possono consigliare le mete più adatte, la durata più consona, la spesa più giusta, il tutto secondo criteri di massima flessibilità e professionalità. Anche in questo caso, proponiamo viaggi di gruppo con guida locale ed un responsabile di Orientamenti al seguito, per offrire la possibilità, anche a chi ama questo modo di viaggiare, di poter conoscere e visitare, al meglio, il Paese. La nostra conoscenza diretta delle destinazioni proposte, unita all’estrema competenza dei corrispondenti locali, ci permette di personalizzare al massimo ogni programma di viaggio.
Il viaggio comporta un soggiorno ad altitudini comprese tra i 3.500 e i 4.200 metri: è quindi necessaria una buona forma fisica. Ricordiamo che il Ladakh è stato per molto tempo chiuso al turismo, solo di recente sono stati riammessi gli stranieri: l’organizzazione turistica è agli albori, i flussi turistici ad interesse culturale estremamente limitati. Questo offrirà belle esperienze di vita ma, nel contempo, può portare a piccoli disagi e disservizi, non prevedibili, che ci impegneremo a risolvere al meglio. Al momento della programmazione di questo viaggio, la sicurezza personale dei viaggiatori è garantita dal governo locale e dalla naturale indole pacifica della gente del posto. Alcune zone del paese sono meno sicure perché situate al confine con il Kashmir: per questo motivo non le visiteremo durante il nostro viaggio.
Si alloggerà a Leh in buoni alberghi, in città; ci saranno quindi due notti in campo tendato fisso, ad Ulletokpo ed ad Alchi. Alcuni pasti, durante le escursioni, potranno essere a picnic.
Le notti a Delhi, al rientro, sono necessarie per garantirci da un eventuale ritardo o cancellazione del volo interno; ne approfitteremo per chiudere il viaggio con un gran finale: una giornata da Maharaja. Pernottamento al Grand Intercontinental hotel, e pranzo di Ferragosto presso il Neemrana Fort Palace, costruito nel 15° secolo. Avremo al seguito una guida locale originaria del Ladakh, parlante inglese, una guida indiana, parlante italiano, da Delhi a Delhi: si occuperà di tradurre in italiano e di assistere il gruppo per ogni necessità. Al raggiungimento di 12 partecipanti un responsabile di Orientamenti seguirà il viaggio dall’Italia. Le partenze sono previste dalle principali città italiane.
Cercheremo di entrare in questo mondo in punta di piedi, da visitatori consapevoli e rispettosi delle altrui abitudini; porteremo dei piccoli regali (zucchero, tè, caffè, caramelle, materiale scolastico) che, per chi ha molto meno di quanto abbiamo noi, saranno preziosi: come potrebbero fare dei veri amici.
PROGRAMMA DI VIAGGIO
Lunedì 07 agosto 2006 partenza da Milano con volo di linea. Arrivo a Delhi, in serata. Pernottamento presso l’hotel Grand Intercontinental. Secondo giorno volo di linea a Leh. Giornata per acclimatarsi. Pernottamento a Leh. Terzo giorno visita di Leh e di alcuni tra i più importanti Gompa. Pernottamento a Leh
Quarto giorno escursione a Hemis, Shey e Thiksey. Rientro a Leh per il pernottamento
Quinto giorno partenza per Ulletokpo via Likir. Sistemazione al campo tendato fisso di Ulletokpo.
Sesto giorno partenza per l’antico monastero di Lamayuru. Sistemazione al campo tendato fisso di Alchi in guest-house. Settimo giorno si rientra a Leh passando per il monastero di Spituk. Pernottamento a Leh. Ottavo giorno rientro a Delhi con volo di linea. Sistemazione al Grand Intercontinental Hotel. Nono giorno, Ferragosto, pranzo al Neemrana Fort Palace. Pernottamento a Delhi. Decimo giorno, il 16 agosto, partenza per l’Italia dove si arriverà in serata.
Prezzo del tour di gruppo, per minimo 12 – massimo 16 persone, voli, tasse aeroportuali indiane ed europee, guida del Ladakh da Leh a Leh, guida indiana da Delhi a Delhi parlante italiano ed accompagnatore dall’Italia compresi, 2.650,00 € per persona, in pensione completa, in camera doppia. Spese di iscrizione, assicurazione sanitaria e annullamento incluse.
Supplemento singola 380,00 €.
Visto India se richiesto nostro tramite per prenotazioni dopo il 1 luglio euro 75,00 a persona
Chiusura prenotazioni, 5 luglio 2006.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione India iscriviti alla nostra newsletter