Via Francigena del Sud, il nuovo itinerario culturale europeo

A breve anche la Via Francigena del Sud sarà riconosciuta come itinerario culturale europeo dal Consiglio d’Europa. Andiamo quindi a conoscere meglio questo tracciato che affonda le sue radici nel lontano medioevo, proponendovi alcune delle tappe più suggestive.

Foto ©ItinerAriaFoto ©ItinerAria

Due viaggi per un unico itinerario, stiamo parlando degli storici pellegrinaggi che hanno segnato il passato di questo incantevole tracciato. Ma proseguiamo con ordine, facendo un lungo salto nel tempo: era il lontano 990 d.C. quando l’Arcivescovo Sigerico intraprese un viaggio per andare in visita a Roma dal Papa. Al ritorno verso la città di Canterbury, l’Arcivescovo si annotò tutte le 79 tappe del tragitto compiuto che oggi formano l’itinerario della via Francigena da Canterbury a Roma. Nel lontano 1152 d.C. invece, il monaco benedettino islandese Nikulás da Munkaþverá partì da Roma con l’obiettivo di arrivare a Gerusalemme. Questo viaggio segna il percorso che oggi è conosciuto come Via Francigena del Sud da Roma a Brindisi. L’itinerario di questo secondo cammino non è sempre circoscritto ad un unico sentiero, ma i percorsi, conosciuti anche come Vie Romee, sono differenti. Infatti, le vie Francigene del Sud si intrecciano con altre strade famose nell’antichità, come la via Appia antica o la via Traiana.

 

Ecco di seguito alcune delle tappe più belle di questo meraviglioso itinerario:

Tappa 1: da Roma a Castel Gandolfo: è la prima tappa della Via Francigena del sud e forse anche una delle più affascinanti data la presenza di molti famosi monumenti.

Tappa 4: da Cori a Sezze: lungo questa tappa è possibile ammirare l’antica città latina di Norba, l’abbazia cistercense di Valvisciolo e il centro storico del bellissimo borgo di Sermoneta.

Tappa 16: da Buonalbergo a Celle di San Vito: tratto suggestivo ma allo stesso tempo molto impegnativo, in cui sarà possibile ammirare alcuni manufatti di memoria Traiana.

Tappa 19: da Ordona a Cerignola: alla scoperta del Tavoliere, tra ulivi, vigneti e distese di grano, in un percorso rilassante e poco impegnativo.

Tappa 20: da Cerignola a Canosa di Puglia: tappa affascinante data la presenza dell’antica Via Traiana e dello storico ponte romano sul fiume Ofanto.

Tappa 25: da Mola di Bari a Monopoli: tappa in cui vi faranno compagnia le bellezze del mar Adriatico e l’incantevole borgo di Polignoano a mare.

Tappa 26: da Monopoli a Torre Canne: una tappa a contatto con la storia data la presenza dell’antica città portuale di Egnazia.

Tappa 28: da Torre Santa Sabina a Brindisi: la Via Francigena del sud si conclude in bellezza grazie a una tappa che attraversa la splendida Riserva naturale di Torre Guaceto per poi giungere alle colonne romane di Brindisi, in riva al mare.


Vedi anche » ,

Informazioni utili

Cosa vedere a Roma   Dove dormire a Roma
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Lazio Roma iscriviti alla nostra newsletter