Vacanze sulla neve, segno meno per il 2011

Vacanze invernali in flessione nel 2011
Vacanze invernali in flessione nel 2011

Con la Pasqua, che quest’anno cade molto alta nel calendario, si chiude notoriamente la stagione delle vacanze sulla neve. Come ogni anno si tirano le somme. Secondo un rapporto di Federalberghi il la stagione invernale 2010/2011 non ha ripetuto i numeri dell’anno precedente. La flessione è stata di circa il 6% rispetto all’anno prima. 

I dati negativi sono in perfetta sintonia, in realtà, con i dati ISTAT sulle prenotazioni alberghiere del 2010. La macchina delle vacanze è in crisi, questo si sa da tempo, allineandosi con una congiuntura economica che ha colpito quasi tutti i Paesi industrializzati. Tuttavia, in molti erano pronti a scommettere su una rapida ripresa che doveva partire già dalle vacanze invernali in fase di archiviazione. La realtà dei fatti, però, è andata al di là delle aspettative e il segno meno della stagione invernale non fa bene sperare per le vacanze estive la cui pianificazione è appena iniziata.

Entrando nello specifico del rapporto, sono soprattutto le settimane bianche ad aver fatto segnare una consistente flessione con un -8,3% di italiani in meno rispetto all’anno precedente. Cala anche il numero dei vacanzieri del fine settimana anche se la flessione è minima.

La meta più gettonata per le vacanze sulla neve resta il Trentino Alto Adige con il 36% delle preferenze. Seguono Piemonte e Abruzzo (9,8%), Valle D’Aosta (9,4%) e la Lombardia (7,9%).  Il 45% dei turisti della neve sceglie l’albergo per il soggiorno.

Nonostante i dati non lusinghieri gli operatori del settore, a mio avviso, devono continuare ad investire sulla promozione e sulla qualità del servizio. La congiuntura economica ha una sua ciclicità e presto potremmo nuovamente conoscere un periodo più florido per l’industria del turismo che, tuttavia, resta sempre un comparto economico di tutto rispetto nel nostro Paese.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter

2 Commenti

  1. be’ secondo me il motivo di questo calo è un po’ dovuto anche ai prezzi elevati delle vacanze sulla neve.. io alla fine quest’anno ho dovuto fare un’ampia ricerca per partire ad un prezzo ragionevole (sono stato a st.moritz con speed vacanze), ma gli albergatori dovrebbero abbassare i prezzi!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*