Vacanze a Londra, la capitale britannica piace agli italiani

Londra, Tower Bridge
Londra, Tower Bridge

Un vecchio adagio recita “Vedi Napoli e poi muori” per esaltare le bellezze della città partenopea. Non volendo smentire in nessun modo questo detto, che condivido, mi sento di inserire nella lista delle città da visitare ad ogni costo e in più riprese, la capitale britannica: Londra.

Questa mia predilezione per la cosmopolita Londra sembra essere condivisa da molti italiani. Nel 2010, infatti, la metropoli londinese ha avuto un incremento di arrivi, da parte di cittadini italiani, del 24%. La percentuale poteva essere ancora più consistente se non ci fosse stato il problema del vulcano islandese che per diversi giorni ha bloccato molti scali della Gran Bretagna, capitale compresa.

Londra piace agli italiani, dunque, e una vacanza a Londra è spesso preferita ad altre in altrettanto capitali europee. Londra, però, piace anche ai cittadini americani tanto che è una recente statistica pone l’Europa tra le destinazioni del 2011 per gli statunitensi e Londra al primo posto tra le città europee in cui fare tappa.

La passione per la capitale britannica e per il Regno Unito, per la verità, non ha trovato riscontri positivi negli arrivi del 2010. Una leggera flessione del 4% è stata riscontrata lo scorso anno in Gran Bretagna, segno meno che comunque non ha dato corso a nessun allarme. Tanto più che Londra è già in grande rilancio.

La primavera 2011 dei londinesi è stata interessata da una data storica, almeno per i cittadini britannici: il 29 aprile. E’ questa la data del matrimonio dell’anno tra il principe William, figlio di Carlo e della compianta Lady Diana, e la bella Kate.

In una città moderna come Londra che conosce come poche città al mondo il senso della integrazione etnica, stride (a mio modesto avviso) l’attenzione posta intorno al matrimonio reale. Pensare che questo splendido Paese abbia ancora un monarca al potere (sebbene in forma limitata ma certamente con forte rappresentanza) sembra una contraddizione a cui, forse, i cittadini britannici dovrebbero porre rimedio. Ma a sentire alcuni di loro, non c’è verso di trasformare il Paese in una Repubblica. E’ difficile, forse, per una italiana capire il perché una delle più grandi potenze al mondo, la Gran Bretagna appunto, debba ancora essere governata da uomini e donne che hanno avuto solo la “fortuna” di nascere in un dato contesto e di non meritare sul campo il posto ricoperto.

Ritornando a Londra e alle sue bellezze, chi ancora non ha avuto modo di visitare la città inglese, il 2012 può essere l’anno giusto. Niente matrimoni reali per Londra ma attrazioni sportive grazie alle Olimpiadi estive, giunte alla XXX edizione, che si svolgeranno nella capitale inglese dal 27 luglio al 12 agosto. Quale migliore occasione per visitare la città in concomitanza di una manifestazione che, almeno sulla carta, si appella alla fratellanza e al fair play.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 398 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*