Un castello al chiaro di luna

Con lo spettacolo "Arte e suggestioni in Rocca", al chiaro di luna (e delle fiaccole), si entrerà nel cuore di uno fra i castelli più belli del ducato.

Penombre, luci diffuse, tanta atmosfera per un invito davvero speciale: la visita notturna della Rocca. Va in scena ogni ultimo sabato del mese alle ore 21,30, e precisamente: il 25 gennaio, il 22
febbraio, il 29 marzo, il 26 aprile (anche venerdì 25), il 28 giugno, il 26 luglio, il 30 agosto, il 27 settembre, il 25 ottobre, il 29 novembre e sabato 27 dicembre. Che cosa si vede? Coreografie e spaccati di vita interpretati dai principali personaggi del Casato negli splendidi abiti rinascimentali. E naturalmente le sale del castello, da quella dell’Asino d’ Oro, l’unica rappresentazione a fresco tratta dall’omonimo romanzo di Apuleio, con diciassette quadri sulle vicende di Lucio-asino, alla bellissima Sala delle Gesta Rossiane, improntata sulla narrazione di tredici eminenti imprese del Casato in altrettanti grandi quadri-arazzo. Quando non c’è la visita (ma solo in alcuni giorni) l’appuntamento è con i banchetti: Rubeo Convivio (sabato 31 maggio alle 22) e Arrivano i Rossi (sabato 6 settembre alle 20.
Sono dei veri e propri tuffi nel Rinascimento con musiche, danze, abiti d’epoca e un gran trionfo di portate: sidro con scaglie di parmigiano, sfogliatine rustiche del feudo, crostini in olio e basilico, pasticcio di riso sforzesco, porcello rosolato in alabarda. Una vera delizia.
Visite notturne, banchetti da sogno, ma questo è anche l’anno del Parmigianino, il grande artista celebrato con un itinerario “Le Arti e le Corti”, organizzato dalla Provincia di Parma. Anche la Rocca di San Secondo ha voluto dare il suo tributo a questo genio del pennello. Nasce così “De re militari”, una tappa del percorso tematico sulle corti rinascimentali organizzate in tutto il ducato per le celebrazioni dedicate al Parmigianino, un grand-tour tra palazzi e castelli che tocca anche San Secondo. Nello
spazio di corte del Rinascimento si viveva tra arte e poesia, ma il principe restava condottiero, e il mestiere delle armi era indispensabile per l’ autonomia del proprio casato. Grazie a coinvolgenti magie multimediali, proiezioni visive e suoni strategici, l’appuntamento con questa Rocca è allora doppiamente invitante: apriranno i luoghi sotterranei, e verrà svelato il suo importante ruolo militare e bellico. Dopo le deliziose pennellate del Parmigianino, dopo le visite notturne, dopo gli arrosti serviti da camerieri in costume d’epoca, anche questo è un valido motivo per venire fin qui.
San Secondo Parmense si trova 18 Km a nord-ovest di Parma sulla direttrice per Cremona.
Uscite autostradali: A-1 Fidenza (da Milano, proseguire per Soragna, indi San Secondo), (da Bologna, percorrere tutta la tangenziale di Parma in direzione Milano, immettersi a destra sulla SS 9 Emilia, dopo 150 metri bivio a destra segnalato San Secondo). A-15 Parma Ovest (seguire le indicazioni per Fontevivo, Fontanellato, indi San Secondo). Il percorso finale è segnalato dai cartelli turistici dei “Castelli della Bassa Parmense”
Per le visite notturne è necessario dare l’adesione entro le ore 20.00 dello stesso giorno telefonando a 338.2128809.
Per informazioni: Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, tel.0521-829055.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Parma iscriviti alla nostra newsletter