Viaggiatori statunitensi in Europa: Regno Unito la destinazione preferita

I viaggiatori statunitensi di Trip.com in Europa sono aumentati di quasi il 250%. I dati di Trip.com riflettono le tendenze di ripresa globale dei viaggi. Le mete degli americani: Regno Unito, Spagna, Francia, Italia e Germania
Bandiere europee - Foto di Simon
Bandiere europee - Foto di Simon

Con la ripresa della fiducia dei consumatori nei viaggi in tutto il mondo, i dati di Trip.com riflettono le tendenze di ripresa globale dei viaggi. L’ultima analisi dei dati di Trip.com dai suoi siti di prenotazione mostra il ritorno dei viaggi transatlantici negli Stati Uniti, poiché i consumatori americani approfittano del dollaro forte per fare viaggi europei più convenienti.

L’analisi dei dati di Trip.com ha rivelato un’enorme impennata di viaggiatori statunitensi che volano in Europa, con un numero di visitatori in entrata in aumento di quasi il 250% nei primi sei mesi di quest’anno.

Il significativo aumento mostrato dai dati di Trip.com evidenzia il sano rimbalzo dei viaggi transatlantici, che sembra segnalare un ritorno ai livelli di viaggio vicini alla pandemia. Le prenotazioni di voli dagli Stati Uniti verso i principali mercati europei sono aumentate del 246% nella prima metà del 2022, rispetto allo stesso periodo del 2021.

Il balzo più significativo dei voli transatlantici è stato registrato tra luglio e agosto 2021, quando le prenotazioni statunitensi per i voli verso l’Europa sono aumentate del 162%.

La forza del dollaro USA traina i viaggi in Europa

Nell’ultimo anno, il dollaro USA ha guadagnato circa il 14% in valore rispetto all’euro e alla sterlina britannica, con il dollaro che ha recentemente raggiunto la parità con l’euro per la prima volta in due decenni.

I vantaggiosi tassi di cambio si sono tradotti in più viaggi in Europa per i viaggiatori statunitensi che sono del 10-15% meno costosi per gli americani rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Il dollaro forte e l’euro e la sterlina più deboli sembrano destinati ad accelerare la ripresa in modo che superi le precedenti proiezioni secondo cui i viaggi torneranno prima ai livelli pre-pandemia.

Le mete degli americani: Regno Unito, Spagna, Francia, Italia e Germania

Osservando i dati per i mercati europei preferiti, le persone possono vedere che tra gennaio e luglio 2022, il mercato europeo più popolare per i voli in partenza dagli Stati Uniti è stato il Regno Unito.

La Spagna è stato il secondo mercato più popolare per i viaggiatori in Europa dagli Stati Uniti, seguito a sua volta da Francia, Italia e Germania.

L’ulteriore analisi dei dati di Trip.com mostra che Londra e Parigi sono state le principali destinazioni europee per gli americani tra gennaio e luglio di quest’anno. Nel frattempo, la rotta altamente competitiva da New York a Londra è rimasta la più popolare per i viaggiatori statunitensi, seguita da Los Angeles a Parigi, quindi da Los Angeles a Londra.

A riprova della duratura popolarità del Regno Unito tra i visitatori statunitensi, i dati di Trip.com hanno registrato un enorme aumento del 678% delle visualizzazioni per i voli dagli Stati Uniti al Regno Unito confrontando la prima metà del 2022 con lo stesso periodo del 2021.

Nel frattempo, anche altri mercati hanno visto un aumento sostanziale dell’interesse dei consumatori statunitensi, con un aumento altrettanto impressionante del 614% delle visualizzazioni per i voli dagli Stati Uniti alla Spagna e un aumento del 577% dagli Stati Uniti all’Italia, seguito da un aumento del 491% dagli Stati Uniti per la Francia.

Ritorno del viaggio transatlantico

Commentando il ritorno dei viaggi negli Stati Uniti attraverso l’Atlantico, Rich Sun, Direttore Generale di Trip.com Group per le Americhe, ha dichiarato: “I viaggi transatlantici sono davvero tornati e Londra è chiaramente ancora una volta la destinazione più popolare per i viaggiatori statunitensi.

“La nostra analisi degli ultimi dati di Trip.com mostra un aumento significativo della domanda di viaggi, non solo nel Regno Unito ma anche in altre principali capitali europee, con Parigi e Madrid che si sono rivelate quasi altrettanto popolari.

“Il massiccio aumento del 246% delle prenotazioni transatlantiche in entrata dagli Stati Uniti all’Europa è la prova, se ce ne fosse bisogno, che la fiducia dei consumatori è tornata ancora una volta sul mercato.

“Riteniamo che l’aumento del valore del dollaro USA forte rispetto all’euro più debole e il calo del valore della sterlina significhi che i viaggiatori statunitensi hanno molto più potere d’acquisto in Europa, il che ha contribuito a segnare ancora una volta il ritorno del continente come una delle principali destinazioni per il mercato statunitense”.

Gli intoppi esterni

Sebbene il quadro generale sia stato positivo, a dimostrazione del fatto che i viaggi in entrata dagli Stati Uniti verso l’Europa sono in aumento, ci sono stati ostacoli sulla strada e alcuni mesi hanno mostrato un calo del numero di viaggi in risposta a eventi esterni.

L’impatto di Omicron ha visto una diminuzione delle prenotazioni dagli Stati Uniti verso l’Europa a dicembre 2021 rispetto al mese precedente, con un calo delle prenotazioni di voli di oltre un terzo (33%).

Tuttavia, questo calo è stato temporaneo, con le prenotazioni di voli dagli Stati Uniti all’Europa ancora una volta in aumento nel nuovo anno, con un netto aumento del 51% a marzo 2022 rispetto a febbraio 2022.

Ma con la crisi del costo della vita che inizia a farsi sentire e gli Stati Uniti registrano l’aumento dell’inflazione più alto degli ultimi 40 anni, balzando dall’8,6% di maggio rispetto all’anno precedente, l’impatto sui livelli di viaggio si è fatto sentire il mese successivo.

I dati di Trip.com rivelano che le prenotazioni di viaggi statunitensi in Europa sono diminuite di un notevole 19% a giugno rispetto al mese precedente, forse indicando che la ripresa non è ancora scolpita nella pietra.

Prenotazioni ancora in aumento

Trip.com ha ulteriormente analizzato il valore medio delle prenotazioni dei voli dagli Stati Uniti verso l’Europa e ha scoperto che questi sono aumentati di oltre un terzo (37%) solo nei primi sei mesi nel 2022, rispetto allo stesso periodo dell’anno prima.

A riprova che i viaggiatori americani erano disposti a scavare più a fondo nelle proprie tasche per pagare i viaggi all’estero a seguito di ampie restrizioni di viaggio, i dati di Trip.com hanno mostrato che all’inizio di quest’anno, il valore medio delle prenotazioni dei viaggi era in aumento, con una spesa in aumento quasi un quarto (23%) a febbraio 2022 rispetto al mese precedente.

Informazioni sul gruppo Trip.com

Trip.com è un fornitore internazionale di servizi di viaggio unico, disponibile in 20 lingue in 27 paesi e regioni in 31 valute e siti locali. Trip.com ha una vasta rete di hotel e voli composta da oltre 1,2 milioni di hotel e voli di oltre 480 compagnie aeree che coprono 2.600 aeroporti in 200 paesi e regioni in tutto il mondo. L’eccellente servizio clienti multilingue di Trip.com 24 ore su 24, 7 giorni su 7, nonché centri aggiuntivi a Edimburgo, Tokyo e Seoul, aiutano a “creare la migliore esperienza di viaggio” per i suoi milioni di clienti in tutto il mondo.

Fonte: Hospitality.net

Pubblicato in

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*