Guerra tra Russia e Ucraina: l’impatto sui viaggi e sul turismo

In che modo la guerra della Russia all'Ucraina ha un impatto sui viaggi e sul turismo: analisi e previsioni.
Cattaro, Montenegro - Foto di Marko Tomic
Cattaro, Montenegro - Foto di Marko Tomic

La brutale guerra della Russia contro l’Ucraina, pur essendo prima di tutto una tragedia umanitaria, ha causato danni economici diffusi in tutto il mondo, non da ultimo nei viaggi e nel turismo. Tra di loro, i turisti russi e ucraini di solito spendono circa 45 miliardi di dollari USA all’anno in viaggi in uscita, la maggior parte dei quali nei paesi dell’Europa emergente. Ecco un’analisi accurata del magazine Breaking Travel News sulle conseguenze della guerra per il settore turistico. 

La pandemia di Covid-19 si era appena attenuata quando la Russia ha invaso l’Ucraina, fornendo al settore dei viaggi e del turismo in tutta l’Europa emergente l’ennesima sfida.

Secondo l’Economist Intelligence Unit, la guerra colpirà l’industria turistica europea in quattro modi:

  1. una perdita di turisti russi e ucraini;
  2. restrizioni alle compagnie aeree e all’uso dello spazio aereo; 
  3. maggiori costi di cibo e carburante;
  4. un grande colpo per la fiducia dei viaggiatori e il reddito disponibile.

La perdita di turisti russi e ucraini, che hanno speso complessivamente 45 miliardi di dollari USA all’anno prima della pandemia di Covid-19 (circa l’8% del totale globale), avrà un impatto su molti paesi nell’Europa emergente. Tuttavia, alcuni esperti regionali vedono anche il lato positivo della diminuzione della dipendenza dal turismo in particolare dalla Russia.

Perdita di turisti nei Paesi baltici?

Estonia, Lettonia e Lituania potrebbero potenzialmente perdere il 10% o più dei loro visitatori annuali a causa dell’effettivo divieto ai viaggiatori russi, poiché sempre più paesi nello spazio Schengen stanno scegliendo di interrompere il rilascio di visti turistici ai titolari di passaporto russo.

“La guerra in Ucraina è arrivata mentre ci stavamo ancora riprendendo dall’impatto degli ultimi due anni e il numero del turismo non era ancora ai livelli pre-Covid”, dice Kadri Gröön di Travel Estonia a Emerging Europe.

Indica una diminuzione del 50% del numero di navi da crociera che attraccano a Tallinn come effetto diretto della guerra. Sostiene inoltre che questo non è il risultato della paura, ma perché non potevano più visitare San Pietroburgo, un’attrazione chiave per le crociere nel Mar Baltico. Ottimismo, tutavia, sul futuro dell’industria del turismo estone.

“Abbiamo sentito parlare dell’impatto della guerra come motivo per annullare i viaggi di gruppo, ma non abbiamo visto l’impatto diretto della guerra nelle statistiche del turismo. Il numero di passeggeri è gradualmente migliorato ogni mese”, afferma.

Per quanto riguarda le navi da crociera, afferma che quelle navi che arrivano a Tallinn rimarranno più a lungo di prima. Inoltre, più navi da crociera hanno visitato altri porti rispetto agli anni precedenti, ad esempio l’isola più grande dell’Estonia, Saaremaa.

Situazione simile in Lettonia.

“La pandemia di Covid-19 e la guerra in Ucraina hanno avuto un impatto sul settore turistico, riducendo il numero di viaggiatori provenienti da Nord America, Asia, Russia, Bielorussia, Ucraina”, ha detto a Emerging Europe Janis Kovalevskis dell’Agenzia per gli investimenti e lo sviluppo della Lettonia.

“La guerra in Ucraina ha avuto un impatto immediato sui dati delle prenotazioni per la stagione primaverile ed estiva, in particolare per il segmento dei gruppi. Un gran numero di prenotazioni di gruppo prenotate sono state cancellate nel mese di marzo e non sono state riprese per la stagione estiva. Secondo le stime fornite dal settore turistico, le prenotazioni sono state cancellate intorno al 60-70%. Attualmente, il turismo in entrata si basa principalmente su viaggiatori individuali e piccoli gruppi di turisti, anche viaggi nazionali e viaggi aziendali nazionali e regionali”.

Spiega che per migliorare gli effetti della guerra, in stretta collaborazione con le parti interessate del settore, la strategia di marketing turistico lettone è stata rivisitata al fine di ridefinire mercati e prodotti prioritari.

“A causa della situazione geopolitica, gran parte del nostro budget di marketing turistico viene ora investito in campagne nei nostri mercati target in Scandinavia e nell’Europa occidentale. La maggior parte dei turisti proviene da Lituania, Estonia, Svezia, Finlandia, Germania e altri paesi europei”, afferma Kovalevskis.

Perdita di turisti nei Balcani?

Si prevede che anche il Montenegro, che ha attratto ricchi russi nelle sue esclusive località balneari e nei suoi porti turistici, vedrà un forte calo delle entrate legate al turismo, sebbene alcuni russi si siano ancora diretti nel paese attraverso la SerbiaBelgrado è uno dei pochi aeroporti europei ancora aperti ai voli dalla Russia.

A maggio, la Banca mondiale ha declassato la previsione di crescita economica del Montenegro per il 2022 al 3,6% dal precedente 5,9%, in parte a causa del previsto calo del numero di turisti con una spesa elevata.

“La Russia e l’Ucraina hanno rappresentato uno dei mercati più importanti per il Montenegro come destinazione turistica negli ultimi anni, poiché entrambi sono stati tra i primi cinque paesi da cui proveniva il maggior numero di turisti. Prima della guerra i turisti provenienti da Russia e Ucraina costituivano il 15,8% dei visitatori stranieri e il 21% di quelli che pernottano nel paese”, ha detto a Emerging Europe Milena Vujović dell’Organizzazione nazionale del turismo del Montenegro.

Dice che l’industria del turismo del paese ha subito un cambiamento significativo a seguito di questa crisi, il busto è comunque riuscito ad avere una stagione turistica di successo attirando turisti dalla regione, dall’Europa occidentale, ma anche da Israele, dal Kazakistan, nonché da alcuni nuovi mercati per il Montenegro, come Arabia Saudita ed Egitto.

“Secondo i nostri dati sul numero di turisti dall’inizio di quest’anno, in media, stiamo registrando una crescita del 9,91% rispetto allo stesso periodo dell’anno pre-pandemia 2019”, afferma Vujović.

Il Mar Nero bulgaro era un’altra importante destinazione turistica per i turisti russi e ucraini e Deutsche Welle Bulgaria stima che oltre 350.000 russi possiedano proprietà sul mare del Paese.

Un programma governativo per promuovere il turismo e assistere alcuni dei 297.000 rifugiati ucraini che entro la fine di maggio si erano stabiliti o erano passati attraverso la Bulgaria includeva pagamenti di 20 euro al giorno per vitto e alloggio agli albergatori che hanno ospitato oltre 40.000 rifugiati nelle località balneari.

Tuttavia, secondo Ilieva, la mancanza di chiarezza su quando terminerà il programma ha reso difficile per i partecipanti accettare le prenotazioni. La Bulgaria, l’Estonia e tutti gli altri stati membri dell’UE orientali nel mezzo hanno attualmente lo stato di avviso di viaggio più basso (Livello 1) emesso dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

Pubblicato in

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*