Tour degustazione Franciacorta e visita al Museo durante il The Floating Piers

Tour completo di degustazione Franciacorta e visita al Museo d’arte contemporanea “Remo Bianco è la proposta che ci giunge da "LeTenute La Montina" di Monticelli Brusati a soli venti minuti dall'attrazione "The Floating Piers".

Cantina de Cantina de "La Tenuta la Montina"

The Floating Piers è più di un’attrazione sul Lago d’Iseo. Si tratta di un nuovo progetto di Christo in Italia, che reinterpreterà il Lago d’Iseo per 16 giorni dal 18 giugno al 3 luglio 2016. 

70.000 metri quadri di tessuto giallo cangiante, sostenuti da un sistema modulare di pontili galleggianti formato da 200.000 cubi in polietilene ad alta densità, comporranno una installazione che si svilupperà a pelo d’acqua seguendo il movimento delle onde.

The Floating Piers si terrà a Sulzano a Monteisola (Peschiera Maraglio) e poi con due diramazioni condurrà all’isola privata di San Paolo. Un evento di risonanza internazionale, che prospetta l’arrivo di più di 50.000 visitatori nell’arco di quindici giorni.

Tuttavia nei pressi del Lago d’Iseo si trova una delle zone vinicole più interessanti d’Italia: la Franciacorta

Perchè si chiama Franciacorta?

Secondo la ricostruzione di “Maurizio Chiappa” su lemillebolleblog

non è ancor oggi del tutto chiara la questione, la storia ci viene incontro dando il significato del nome al passaggio che avvenne nell’ottavo secolo a quel strategico condottiero di Carlo Magno che, con il suo esercito dei Franchi, scese per contrastare ed espugnare il regno dei Longobardi. Carlo Magno di passaggio rimase così colpito dalla bellezza del territorio che qui volle addirittura fermarsi ed in loco stabilirsi; da qui appunto Francia Corta…

Ma è un altra la versione penso più accreditata, essa si rifà a quella che rende questa terra magica, una zona Franca ossia esclusa da dazi, tributi o tasse di alcun genere, allora imposti dall’impero rendendola appunto libera da ogni pendenza (come oggi è Livigno per esempio). Terre di proprietà vitivinicola ecclesiastica; i monaci in cambio del duro lavoro in vigna nonché alla dedizione e conservazione della vigna, avevano in cambio l’esenzione dei tributi imperiali richiesti altrove. Erano appunto delle zone franche delle “Curtis francae” per l’appunto ; da qui si evince il nome Franciacorta”.

In realtà esiste una terza versione:

Storia narrata da quel patriota risorgimentale che portò il nome di Gabriele Rosa (1812-1897) nato e morto in Iseo, il quale scrisse che al tempo delle truppe francesi di Carlo d’Angiò intorno al tredicesimo secolo , scese per accompagnare il loro futuro Re di Napoli, (lo sarebbe diventato direttamente dalle mani di Papa Clemente IV) si fermarono per l’appunto a Rovato in Franciacorta e qui sicuramente ubriachi dai vini già presenti allora, spavaldi e prepotenti, infastidirono non poco le belle donzelle rovatesi….. Stufo ed arrabbiato un ciabattino del paese prese in mano la sommossa popolare ed andò in prima linea armato di un suo attrezzo affilatissimo per cucire le pelli e, brandendolo in mano con braccio alzato l’11 novembre 1265, al suono delle campane di Rovato, seguito da un orda di compaesani urlo’ contro: Francesi andatevene via, perché qui la Francia sarà corta!!”

Qualunque sia la versione ufficiale poco cambia sulla natura di quest’area che ogni anno porta alla produzione vini di qualità.

Tenuta La Montina di Monticelli Brusati, BresciaTenuta La Montina di Monticelli Brusati, Brescia

Tenuta La Montina

La Montina è una storica cantina della Franciacorta che, in occasione dell’evento “The Floating Piers” ha preparato per tutti i turisti appassionati di vino ed arte un tour completo di degustazione Franciacorta e visita al Museo d’arte contemporanea “Remo Bianco” che per l’occasione presenterà una delle collezioni di arte aborigena più completa a livello mondiale. Artista principale della mostra Kunibilarranda “Dir Dik” (nato a Roebuck Bay nel 1946). Da sempre forte sostenitore dei diritti del popolo aborigeno, utilizza la propria arte come strumento di divulgazione e trasmissione delle ricchezze e della cultura dei nativi australiani alle generazioni future.

La Montina, insignita nel 2008 del premio “Ospitalità” indetto dalla Bocconi, per le visite guidate è aperta 7 giorni su 7, con disponibilità di due turni di visita: 10,00 e 15,30.

Le Tenute La Montina di Monticelli Brusati sono fra le aziende storiche della Franciacorta. Le vigne aziendali sviluppano su di una superficie vitata di circa 72 ettari, dislocati in 7 Comuni della Franciacorta. Vigneti, con giacitura preminentemente collinare, impiantati su terreni calcarei e limo-argillosi con una resa circa di 100 quintali per ettaro con densità di 5.400/7.000 ceppi per ettaro. La cantina si estende per 7.450 m² sotterranei, il che garantisce tutto l’anno la minore escursione termica possibile (attorno ai 13°- 16°) e condizione ottimale per la giusta maturazione dei Franciacorta. La produzione media è di 380.000 bottiglie annue.

Per prenotazioni

Alberto Botticini
amministrazione@lamontina.it
Tel. 030 653278


,

Informazioni utili

Cosa vedere a Monticelli Brusati   Dove dormire a Monticelli Brusati

Come arrivare alla Tenuta La Montina di Monticelli Brusati, Brescia

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione MONTICELLI BRUSATI iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 389 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*