Toscana on the road: in vacanza con l’auto a noleggio

Con i suoi splendidi paesaggi, le città d'arte e l'ampia offerta enogastronomica, la Toscana è una delle destinazioni turistiche più apprezzate dello Stivale. E allora, perché non visitarla con un’auto a noleggio?

Paesaggio della Toscana - Foto di Rudi Maes
Paesaggio della Toscana - Foto di Rudi Maes

Tra mare, colline, montagne, piccoli borghi isolati e città affollate di turisti s’impone una scelta, soprattutto quando si ha poco tempo a disposizione. Per chi non vuole limitarsi a trascorrere le vacanze in una sola località, la soluzione ideale è noleggiare un’automobile.

Una settimana di vacanze in auto in Toscana

In epoca di smart mobility, quando il settore dei trasporti si pone questioni di sostenibilità ed efficienza, il noleggio di automobili è una realtà ben consolidata. Un report di ANIASA (Associazione Nazionale Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici)  stima che nel 2018 in Italia siano state noleggiate 5.369.172 automobili (il 3 % in più dell’anno precedente) per brevi periodi, in media di una settimana. I numeri mostrano che affittare una macchina è ormai un’abitudine nel nostro Paese.

Per scegliere il proprio mezzo è sufficiente cercare su un sito comparatore come offertenoleggioauto.it, che confronta i prezzi di 1600 compagnie di noleggio in 170 nazioni e permette di affittare un’automobile rapidamente in numerosissime località. Ma dove andare in Toscana quando si ha a disposizione un’automobile per sette giorni?

Toscana in auto - Foto di Katy Baciu
Toscana in auto – Foto di Katy Baciu

Tutte le strade portano a Firenze

Quarta regione italiana per superficie, la Toscana è la seconda per numero di province. Ognuna delle sue città merita di essere visitata. La più amata è indubbiamente Firenze: patrimonio dell’UNESCO dal 1982, nota in tutto il mondo per la sua ricchezza artistica, conta un numero impressionante di monumenti e musei, dal Duomo a Santa Maria Novella, passando per gli Uffizi, il Ponte Vecchio e Piazza della Signoria. Firenze è ben collegata alle altre città toscane attraverso autostrade, strade provinciali e statali.

L’A11 la unisce a Prato, Lucca, Pisa e Pistoia, quindi a Massa e Carrara attraverso la E80, mentre con l’Autopalio si raggiungono Siena e poi Grosseto attraverso la via Senese. La SGC collega Firenze a Livorno e l’Autostrada del Sole e l’E35 la collegano ad Arezzo. In meno di due ore, insomma, da Firenze è possibile raggiungere ogni altro capoluogo della Toscana, e viceversa.

Panorama di FirenzePanorama di Firenze

A bassa velocità, lontano dai sentieri battuti

Per chi alle città preferisce le camminate in montagna, le spiagge, il relax delle terme o le degustazioni culinarie, il percorso si fa sempre in automobile. Dall’autostrada si passa alle strade statali e panoramiche, indugiando in uno slow travel su misura, fermandosi quando lo si desidera per ammirare uno scorcio, fare un gustoso spuntino, esplorare un sentiero. Le occasioni si moltiplicano, ma uno degli itinerari ideali comincia con una passeggiata nei boschi della Garfagnana, in provincia di Lucca, per poi continuare con un tuffo nel mare della Versilia, una gita sulle colline del Chianti, tra Firenze, Siena e Arezzo, e un’immersione nella quiete della Maremma, alla scoperta di paesini come Pitigliano, la “piccola Gerusalemme toscana”, o concedendosi un momento di benessere nelle sorgenti di acqua termale di Saturnia, già note in epoca romana.

Pitigliano cosa vedere: suggestiva immagine notturna di Pitigliano, maremma toscana
Suggestiva immagine notturna di Pitigliano, maremma toscana

Se esiste un mezzo di trasporto ideale per approfittare della dolcezza delle colline toscane senza rinunciare alle sue città straripanti di cultura e ai suoi villaggi caratteristici sparsi tra il mare e la montagna, questo è l’automobile. La parola d’ordine è improvvisazione: lasciarsi sorprendere e deviare dall’itinerario stabilito è infatti il modo migliore per scoprire la regione.

Lucca
Panorama di Lucca
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione TOSCANA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*