Tomba della Gioconda: si scava nell’ex convento di Sant’Orsola di Firenze

Sono in corso gli scavi per portare alla luce la tomba della Gioconda, nell'ex convento di Sant'Orsola di Firenze. Iniziano ad emergere i primi reperti e una cripta sotterranea.

Nell’ex convento di Sant’Orsola di Firenze si stanno realizzando gli scavi utili al recupero della tomba di quella che si presume essere stata la Gioconda ritratta da Leonardo Da Vinci. Pare infatti che in questo luogo siano conservate le spoglie di Lisa Gherardini Del Giocondo, la famosa Monna Lisa che potrebbe essere stata la musa dell’ecclettico Leonardo.
La scorsa settimana sono stati eseguite delle “scansioni” alla struttura dell’ex convento di Sant’Orsola di Firenze tramite esami del geo-radar, sulla base del fatto che nel 2007 è stato rinvenuto un registro recante una sorta di certificato di morte della nobildonna toscana che stabilirebbe la sepoltura proprio in questo convento.
Ebbene, ne è effettivamente risultata la presenza di una cripta, probabilmente utilizzata nell’antichità per il culto e per le sepolture esterne.
Al momento si è scavato solo per pochi centimetri – anche perchè si è dovuto prima eliminare un massetto di cemento costruito sul luogo negli anni ’80 – ma la squadra all’opera ha stabilito che porobabilmente nel corso della prossima settimana si scenderà di circa due metri.
Solo a quel punto si potrà effettivamente capire se si è in presenza di una cripta e forse anche di un ossario.
Attualmente sono già emerse varie ossa (che sembrano essere di origine animale) e frammenti di ceramiche. Per sapere se la presunta Gioconda è stata sepolta proprio in questo luogo ci vorrà ancora del tempo: si spera che i resti siano in condizioni tali da permettere il confronto con il dna dei discendenti e si spera di poter ritrovare il teschio, in modo da poterne ricostruire il volto presso i laboratori dell’Università di Pisa.
A proposito di eredi, la principessa Natalia Strozzi – discendente della nobildonna deceduta nel 1542 – si è recata sugli scavi e ha dichiarato di essersi molto emozionata.
Al di là del valore della scoperta scientifica in merito ai resti di Monna Lisa, la scoperta della cripta è importante dal punto di vista artistico e quindi turistico poichè si tratterà certamente di un nuovo luogo da visitare a Firenze.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter