Tassa di sbarco Isole Eolie: prezzi e applicazione

Preparato il provvedimento che consente ai comuni delle Isole Eolie di richiedere il pagamento della tassa di sbarco.

L'intenso blu delle Isole Eolie - ph marigould (Marianna Anzelmo) - licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 GenericL'intenso blu delle Isole Eolie - ph marigould (Marianna Anzelmo) - licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic

Si apprende in questi giorni che anche le amministrazioni locali delle Isole Eolie hanno deciso di approvare un regolamento al fine di poter dare il via alla riscossione della cosiddetta “tassa di sbarco”. Manca ancora il passaggio presso la commissione e il Consiglio per l’approvazione definitiva che, tuttavia, appare piuttosto probabile.
Dunque, sin dalla prossima primavera ogni persona che arriverà su una delle Isole Eolie potrà essere tenuta a pagare il contributo di sbarco, nelle misure stabilite dalla giunta di Lipari.
Chiaramente la cifra da elargire varierà in considerazione del periodo dell’anno in cui si arriverà ad Alicudi, Filicudi, Lipari, Panarea, Stromboli e Vulcano. Al momento in cui si scrive il dazio non sarà dovuto per Salina.
Sono infatti stati stabiliti diversi prezzi, applicabili secondo tale calendario:
– dal 1° aprile al 31 maggio: 2,50 euro a persona
– dal 1° giugno al 30 settembre: 5 euro a persona
– dal 1° ottobre al 31 ottobre: 2,50 euro a persona.

Il contributo di sbarco dovrà essere obbligatoriamente pagato sia arrivando via mare con i vettori marittimi che operano le rotte verso le Isole Eolie, sia nel caso di utilizzo di elicottero. Si aparla quindi sia di aziende di trasporto pubblico che privato, indifferentemente.
La tassa andrà pagata una sola volta, quando si andrà via; dunque nel caso in cui si decidesse di muoversi da un’isola all’altra non si dovrà pagare più volte l’obolo.

Isole Eolie - ph Wolfram Schubert (Germany) - licenza Creative Commons Attribution 2.0 GenericIsole Eolie - ph Wolfram Schubert (Germany) - licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Come per altre misure del genere, esisteranno delle eccezioni al pagamento.
Saranno esentati infatti i residenti, i pendolari, alcune categorie di lavoratori che prestano servizio sulle isole (medici, personale sanitario, forze dell’ordine ecc..), nativi delle Isole Eolie e gruppi familiari che risultano aver pagato tasse comunali al maggior comune isolano.
L’accettazione da parte del Consiglio permetterà di applicare effettivamente la normativa; nel caso di cambiamenti in tal senso, torneremo a dare tempestivi aggiornamenti a riguardo.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Lipari Sicilia iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*