Tassa di soggiorno a Venezia in vigore da luglio

La tassa di soggiorno a Venezia entrerà in vigore a partire da luglio, stando a quanto si augura la Giunta comunale che ieri ha approvato la decisione. Non mancano però i pareri contrari, soprattutto da parte di Confturismo.

Un’altra città d’arte decide di introdurre la tassa di soggiorno: a Venezia la Giunta comunale ha varato la decisione, permettendo così l’entrata in vigore di questo “obolo” a partire dal 1° luglio.
La tassa di soggiorno a Venezia verrà applicata per ogni persona e per tutte le strutture ricettive, ad esclusione solo degli ostelli. Anche i bed & breakfast di Venezia, quindi, rientrano nella decisione della Giunta Comunale.
Allo studio ci sono varie soluzioni che mirano sì ad introitare ma senza penalizzare troppo i turisti: si parla ad esempio di tariffe speciali per più pernottamenti consecutivi e di riduzioni della tassa nel corso dei periodi di bassa stagione. Inoltre si pagherà meno negli hotel non situati in centro, sulla terra ferma (ad eccezione dei 4 e 5 stelle) e si calibreranno tariffe specifiche per Mestre e dintorni.
La tassa non verrà applicata su una serie di soggetti: bambini al di sotto dei 10 anni di età, autisti di pullman turistici, guide e accompagnatori turistici, persone che assistono degenti ecc…
Quel che appare certa è la tariffa standard: 1 euro a stella assegnata alla struttura ricettiva, mentre per quanto riguarda le altre tipologie di alloggi, ci si dovrebbe mantenere sui 2 euro fissi.
A conti fatti, dunque, si stima che il Comune vedrà un’entrata di circa 20 milioni di euro all’anno che, almeno in teoria, dovrebbero essere destinati ad iniziative turistiche e di recupero dei beni culturali ed ambientali.
Intanto, Confturismo non ha accolto bene la decisione di introdurre la tassa di soggiorno a Venezia: il presidente Michielli ha esternato la sua indignazione: “Il turismo non è un bancomat! Lo stanno massacrando, tra l’assordante silenzio e la colpevole assenza del ministro Brambilla”.
Tuttavia, interpellata dal Corriere della Sera, anche Michela Brambilla si è mostrata contraria all’introduzione del balzello: “Chiariamo subito, io sono nettamente contraria a questa tassa di scopo. Se fosse per me i Comuni dovrebbero trovare risorse da altro tipo di fonti. Quindi invito anche Venezia a non applicare il balzello”.
Una tassa che esordisce già tra le polemiche ma che probabilmente, malgrado ciò, verrà comunque applicata a partire dal 1° luglio.
Se la tassa di soggiorno a Venezia dovesse all’atto pratico funzionare come a Roma, l’obolo di norma non sarà applicato sulle tariffe proposte in fase di prenotazione, ma verrà elargito in contanti direttamente in hotel.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter