Cosa vedere e cosa fare a Madrid, dal Museo del Prado alla Puerta del Sol

Nel cuore della Spagna, sulle rive del fiume Manzanarre, Madrid non è solo una capitale splendida, ma anche una città dai record consolidati. Ecco alcuni suggerimenti su cosa vedere e cosa fare a Madrid.

Plaza de Cibeles a MadridPlaza de Cibeles a Madrid

Madrid è il terzo comune più popolato dell’Unione Europea (circa 6,5 milioni di abitanti tra area metropolitana e sobborghi);  primo polo finanziario e città più grande della Spagnamaggiore centro dell’Europa meridionale. Madrid è prima, in assoluto, in fatto di turismo interno e quarta in ambito europeo. Madrid è senza ombra di dubbio, una delle città più globalizzate del pianeta, che accanto a un profilo ultramoderno ha saputo però preservare il suo cuore antico, offrendo ai visitatori strade, quartieri, palazzi, giardini e musei che ne raccontano storia e tradizioni. Ha una vivace vita culturale e mondana, che smentisce il luogo comune che, per assaporare la movida, si debba per forza andare a Barcellona.

Nonostante l’estensione e il bioritmo di grande capitale, Madrid sa accontentare anche il turista più pigro, concentrando alcuni dei musei e pinacoteche più prestigiosi (e che da soli valgono il viaggio) a brevissima distanza una dall’altro. E’ il caso, per esempio, del Museo del Prado, dove si ammirano i capolavori di maestri italiani, spagnoli e fiamminghi tra il ‘400 e l’800; del Centro de Arte Reina Sofia, che custodisce, tra i tanti, anche il celebre dipinto Guernica di Pablo Picasso. E della collezione Thyssen Bornemitza trasferita qualche anno fa da Lugano, in Svizzera. Tutti a pochi minuti di passeggiata, lungo il Paseo del Prado.

Chi, invece, non si lascia condizionare dalle distanze e si destreggia bene coi mezzi pubblici, può spaziare tranquillamente tra il Palazzo Reale e l’ Escorial, con l’imponente monastero e lo sfarzosa residenza regale; tra il Parco del Retiro e la Casa Natale del grande Miguel Cervantes; tra Plaza Mayor e la Puerta del Sol, dove a San Silvestro, i madrileni si danno ritrovo per festeggiare l’arrivo del nuovo anno: tradizione vuole che si debba mangiare un chicco d’uva per ciascuno dei rintocchi della mezzanotte ed è una capitale visitabile anche a basso costo.

Museo del Prado

Lungo il Paseo del Prado si trova uno dei musei più noti al mondo: il Museo del Prado. Le sue origini sono datate 1819 e fu fondato per volere della regina Isabella di Braganza che voleva un museo di arte pubblica in Spagna sulla scorta del Louvre. All’interno della pinacoteca si trovano ben sette secoli di storia dell’arte (8.600 quadri e oltre 700 sculture). E’ praticamente impossibile visitare il Museo del Prado in poche ore, data la ricchezza di opere esposte. Si consiglia una visita di ritorno oppure, in alternativa, la scelta dell’epoca o degli artisti di cui non si vuole perdere nulla.

Museo del Prado: orari e prezzi

Dal lunedì al sabato dalle ore 10,00 alle ore 20,00. La domenica e tutti i giorni festivi, dalle ore 10,00 alle ore 19,00. Ultima entrata mezzora prima della chiusura. Il museo è chiuso il primo gennaio, il primo maggio e il 25 dicembre. Il prezzo dei biglietti varia dai 16 euro (intero) agli 8 euro (ridotto). I disabili, minori (sotto i 18 anni) e studenti fino ai 25 anni entrano gratis.

Palazzo Reale

Il Palazzo Reale si trova in Calle Bailen ed è attualmente la sede di rappresentanza dei monarchi che hanno qui alloggiato fino al 1931. In seguito ad un incendio nel 1734 il Palazzo Reale di Madrid fu voluto maestoso e molto più grande del precedente, da Filippo V.  Il progetto non fu completamente eseguito ma fu costruito comunque un edificio dall’imponente mole. All’interno del Palazzo Reale sono visitabili: la stanza del Trono, il Salon de Columnas, il Salon de Alabarderos, gli appartamenti di Carlo III con l’annessa farmacia e la Real Armeria. Il Palazzo Reale è circondato dai giardini “il Campo del Moro” in stile inglese.

Palazzo reale: orari e informazioni utili

Da ottobre a Marzo

Lunedì-sabato: dalle 9,30 alle 17,00; domenica: dalle 9,00 alle 14,00.

Da aprile a settembre

Lunedì-sabato: dalle 9,00 alle 18,00; domenica: dalle 9,00 alle 15,00.

Giardini “Il campo di Moro”

Da ottobre a Marzo

Lunedì-sabato: dalle 10,00 alle 18,00; domenica: dalle 9,00 alle 18,00.

Da aprile a settembre

Lunedì-sabato: dalle 10,00 alle 20,00; domenica: dalle 9,00 alle 20,00.

Plaza Mayor

Plaza Mayor è una piazza circondata da bellissimi edifici con porticato tra i quali spicca, per interesse anche storico, il Palazzo de la Panederia, un vecchio forno. Nel settecento fu completamente ristrutturata a causa di un incendio. Al centro della piazza si erge la statua equestre di Filippo III. A Plaza Mayor, com’è facilmente intuibile, giungono varie strade importanti della città come Calle Mayor, Calle Toledo, Calle Segovia.

Plaza Santa Anna

Plaza Santa Ana è raggiungibile con la metro, fermata Anton Martin. E’ una delle piazze più note della capitale spagnola ed ha subito, nel tempo, diversi restauri. E’ il cuore del Bario de Ios Literatos ed è un luogo della città molto vivace. Plaza Santa Ana è un luogo molto popolare a Madrid ed è ricca di bar, ristoranti, alberghi e teatri. Qui si trova la Casa Museo di Lope de Vega, visitabile dal martedì al venerdì (9,30-14,00) e il sabato con ingresso libero (10,00-14,00).

Plaza de la Villa

In Plaza de la Villa si erge il municipio di Madrid detto l’Ayuntamiento. Si compone di torri e di sale affrescate da Francisco Goya. Nella piazza si trova anche la Torre de los Lujanes e al centro, la statua di Alvaro de Bazan protagonista della battaglia di Lepanto.

Plaza de Toros de Las Ventas

E’ la piazza dell’arena delle corride. Costruita negli anni ’30 diventa animata durante la Feria de San Isidro (patrono della città), tra il mese di maggio e giugno. All’interno si trova il Museo con ingresso libero. Orari: da marzo a ottobre, dal martedì al venerdì dalla 9,300 alle 14,30; la domenica e i giorni di corrida dalle ore 9,00 alle ore 13,00. Da novembre a febbraio, dal lunedì al venerdì, dalle 9,30 alle 14,30.

Madrid, Calle de Alcalá - ph Roger Schultz - licenza Creative Commons Attribution 2.0 GenericMadrid, Calle de Alcalá - ph Roger Schultz - licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Monastero de las Descalzas Reales

Si tratta di un convento risalente al XVI secolo, fatto realizzare per suore dal sangue blu. E’ ricco di arazzi, tessuti, utensili di ottima fattura. E’ raggiungibile con la Metro Sol. Visite guidate nei giorni pari dalle 10,30 alle 12,45 e dalle 16,00 alle 17,45. Il venerdì dalle ore  10,30 alle 12,45. La domenica e tutti i festivi dalle ore 11,00 alle 13,45.

Monasterio de El Escorial

Fatto realizzare da Filippo II, è stato dichiarato Patrimonio dell’Unesco ed è considerato un vero tempio dell’arte del cinquecento e seicento. Sede dei sovrani di Spagna. è stato realizzato da Tiziano, Giordano, El Greco, Velazquez. Il complesso presenta una biblioteca, musei, il Palazzo. Si trova in Calle de Juan de Borbon y Battemberg a San Lorenzo de El Escorial.

Musei di Madrid da non perdere

Oltre al Museo del Padro che ripaga il viaggio, ci sono altri musei interessanti nella capitale spagnola.

  1. Museo Thyssen-Bornemisza: ricco di collezione d’arte occidentale si snoda per oltre otto secoli. Si completa con il museo del Prado ed è consigliato per gli appassionati d’arte occidentale. E’ ubicato in Paseo del Prado al civico 8. E’ aperto dal martedì alla domenica, dalle 10,00 alle 19,00.
  2. Museo Lazaro Galdiano: voluto dallo scrittore José lazaro Galdiano, raccoglie una collezione di avori e smalti del VI secolo e diverse tele di artisti internazionali (dal cinquecento al diciannovesimo secolo). E’ aperto tutti i giorni ad eccezione del martedì, dalle ore 10,00 alle 16,30, ed è ubicato in Calle Serrano 122.
  3. Museo Centro de Arte Reina Sofia: vicino alla nota stazione Atocha, oggi arricchita da tanti negozi, bar e ristoranti, si trova questo museo realizzato in un vecchio ospedale. Il Museo Centro de Arte Reina Sofia contiene una ricca collezione d’arte del XX secolo. Opere di Dalì, Mirò, Picasso, Braque, tra gli altri. E’ aperto dal lunedì al sabato, dalle ore 10,00 alle 21,00 mentre la domenica il museo chiude alle 14,30. E’ ubicato in Santa Isabel, 52.
  4. Museo Archeologico: posizionato in Calle Serrano 13, il museo archologico di Madrid conserva reperti millenari della Spagna. E’ aperto dal martedì al sabato, dalle 9,30 alle 20,30 e la domenica dalle 9,30 alle 15,00.
  5. Museo de La Real Academia de Bellas Arts de San Fernando: ubicato in Calle Alcalà al civico 13, questo museo contiene opere di pittori italiani, spagnoli e fiamminghi, dal cinquecento e seicento. Spicca, su tutti, Francisco Goya. IL museo resta aperto, dal martedì al sabato, dalle ore 9,00 alle ore 15,00; la domenica chiude mezzora prima, alle 14,30.

El Rastro: il mercatino delle pulci di Madrid

Ogni domenica mattina, a sud della Plaza Mayor, tra i quartieri de la Latina e Lavapies, si tiene il noto mercatino delle pulci di Madrid: El Rastro. Sulle bancarelle si trova di tutto, dall’abbigliamento nuovo e usato ai souvenir. L’area è una zona popolare e qui, una volta, vivevano i conciatori. Ancora oggi il quartiere è molto popolare e preda di borseggiatori. E’ importante tenere sott’occhio la propria borsa o il portafogli. Il pericolo potrebbe essere in agguato anche se, con la giusta cautela, si consiglia una visita.

Parque del ritiro

Il Parque del Ritiro è molto amato dai madrileni. Posizionato ad ovest del Museo del Prado, il parco è formato da giardini, laghi, fontane monumentali, boschetti, roseti. Qui si trova la scultura de “l’Angel Caido” (Angelo Caduto) che rappresenta il diavolo che cade dal paradiso. Due palazzi molti importanti si affacciano sui giardini: il Palacio de Velazques e il Palazzo Cristallo. Da visitare anche il “Bosco degli Scomparsi” nato in memoria delle vittime degli attentati del 2004. Il Parque del Ritiro si trova a Plaza de la Independencia ed è aperto dalle 6,00 alle 22,00, in inverno e fino alla mezzanotte, durante l’estate.

Come arriva a Madrid e come muoversi

L’aeroporto internazionale di Madrid si trova a circa 15 km, a nord- est della capitale. Dai Terminal 1, 2, 3 e 4 dell’aeroporto Barajas di Madrid è possibile raggiungere il centro della città. In particolare; il numero 200 va a A. de America, il n. 101 al Canilejas e il 214 ad Av. de Amarica (dal Terminal 4). Il costo della metro è lo stesso dei bus ma esistono biglietti Metrobus, per entrambi. Mediamente un taxi, la cui fermata è agli arrivi, costa circa 25 euro per raggiungere la città.

Per muoversi a Madrid è possibile utilizzare diversi mezzi: metro, bus, taxi, treno. Grazie alla Madrid Card, inoltre, è possibile spostarsi nella capitale spagnola a basso costo.

Dova mangiare a Madrid

A Madrid si può mangiare ovunque. In particolare a Plaza Santa Ana ma anche a Plaza Mayor, ci sono diversi punti di ristori. Tuttavia è sempre bene evitare quelli nella piazza stessa o troppo turistici. Nella capitale ci sono diversi tapas bar. I migliori e più economici si trovano a La Latina e a Laavapies.  Il Cafe de Chiitas è uno dei migliori ristoranti con spettacolo di flamenco. E’ certamente un locale turistico ma vale la pena mangiare qui almeno una volta. Al Palacio Gaviria, nei pressi della Porta de So, è possibile partecipare a spettacoli di cabaret o ballare musica dance. Il ristorante stellato di Madrid è il Santceloni. Si trova sul Paseo de la Castellana, al civico 57, all’interno di una cantina. Il ristorante propone pesce. Il Chilky, invece, a Calle Mayor 24, propone piatti della tradizione madrilena. Tra questi, l’immancabile paella, le tapas, l’asados.

Dove dormire a Madrid

Per quanto riguarda l’ospitalità la capitale spagnola presenta offerte diverse. Gli alberghi di un certo charme non sono numerosi. Tuttavia la capitale spagnola si presenta adatta a tutte le tasche ma non orecchie, visto che Madrid è molto rumorosa. Il consiglio è sempre la prenotazione anticipata anche per usufruire di offerte lampo ma su Booking gli hotel sono a larga scelta.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Madrid Spagna iscriviti alla nostra newsletter