Spa alle Maldive in pericolo di chiusura

Le Spa alle Maldive stanno per venir chiuse: centri benessere e stabilimenti termali rischiano molto concretamente di non poter esercitare più, con ingenti perdite al settore.

Le spa delle Maldive sono una delle maggiori attrazioni turistiche di questa zona: vere oasi di cura e benessere per la persona, sono uno dei motivi di maggior richiamo per un turismo basato certamente sull’interesse per la natura ma anche sulla voglia di ritrovare equilibrio psicofisico nel corso di una vacanza.
Ad oggi però sussiste il rischio concreto di chiusura per le spa delle Maldive e per gli stabilimenti termali: un decreto governativo caldeggiato dal partito di opposizione Adhaalath solo qualche giorno fa – giovedì 29 dicembre – è passato ed è stato attuato, con il risultato che non sarà più possibile effettuare trattamenti benessere all’interno delle strutture turistiche delle Maldive o nei centri appositi.
Il motivo è presto spiegato: Adhaalath è un partito di stampo conservatore islamista che è convinto che le spa alle Maldive siano in realtà dei bordelli o comunque dei luoghi che rasentano la prostituzione o addirittura la favoriscono.
Una definizione e un ritratto che i gestori delle strutture e i tour operator specializzati nella destinazione Maldive non riconoscono affatto e che anzi rifiutano con decisione, specificando che si tratta di luoghi professionali di benessere e non di prostituzione.
La questione è ancora aperta, dal momento che solo qualche ora fa il governo maldiviano ha fatto sapere di star considerando l’opportunità di ritrattare l’argomento, dopo le proteste del comparto: dal ministero del Turismo si è infatti dichiarato che si sta lavorando per permettere la gestione dei centri benessere ai soli resort turistici.

AGGIORNAMENTO del 5 gennaio 2012: le Spa saranno riaperte, ecco i dettagli.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter