Sorgerà a Pitigliano il nuovo centro termale della Maremma toscana

A pochi chilometri dalla splendida “città del tufo”, in provincia di Grosseto, aprirà a marzo 2006 l’Hotel Terme di Pitigliano, una SPA esclusiva per rigenerare il corpo e lo spirito.

Un nuovo centro termale degno delle migliori beauty farm, con trattamenti di medicina estetica e dermatologica, medicina naturale, idroterapia, fanghi, massaggi, fisioterapia, fitness, dietologia e tanto altro. A marzo 2006 aprirà i battenti l’Hotel Terme di Pitigliano, un complesso di 28.000 metri cubi immerso in un paesaggio naturale ricco di reperti archeologici e di splendidi borghi antichi, come Pitigliano, Sorano, Sovana,Manciano, Scansano, autentici gioielli della Maremma grossetana. Indirizzata ad una clientela attenta ed esigente in fatto di accoglienza, e al legame con la natura circostante, la struttura comprende uno stabilimento riservato alle cure termali (fino a 100 trattamenti giornalieri) e l’albergo a quattro stelle dislocato in due edifici con 18 suites,16 junior suites e 19 camere oltre a bar, ristorante, lounge, sala congressi,sala lettura. Le piscine termali, con acqua solfato calcica magnesiaca a una temperatura che varia dai 32 ai 34°C., sono due: una riservata esclusivamente agli ospiti dell’hotel, l’altra destinata al pubblico esterno con una capacità di circa 300 utenti al giorno. La nuova SPA, che arricchisce l’offerta qualitativa locale, si inserisce in un’area di grande interesse anche per il turismo enogastronomico: questa terra lambita dal fiume Fiora è famosa per la qualità dei pecorini e per la lavorazione delle carni suine,per l’olio extravergine di bassa gradazione acida, ma soprattutto per i suoi vini bianchi e rossi doc di altissima qualità.
L’attesa è grande non solo per chi ama frequentare i templi del benessere per una remise en forme degna dei migliori centri benessere, ma anche per chi adora la natura e vuole rifugiarsi per qualche giorno in un luogo silenzioso capace di rigenerare la mente e il corpo immersi in una campagna disegnata dalle leggere geometrie dei filari di uva e dalle sculture naturali di ulivi centenari. Siamo in Toscana, nel cuore della Maremma grossetana, dove ancora sono visibili le tracce degli antichi insediamenti etruschi e dove i romani utilizzavano le acque sgorganti dal sottosuolo per le loro cure estetiche e fisiche. Una tradizione che è continuata fino ad oggi e che ha fatto conoscere al mondo intero le virtù terapeutiche delle acque sulfuree di Saturnia. Che non sono le uniche acque benefiche di questa splendida terra. Ce ne sono altre, con caratteristiche e pregi diversi che diventeranno il vanto di un nuovo centro termale di prossima apertura.
A marzo 2006 aprirà i battenti l’Hotel Terme di Pitigliano, un complesso di 28.000 metri cubi distribuiti su un’area di 10 ettari, circondato da un paesaggio pressoché vergine, con poche costruzioni di tipo rurale nei dintorni. Il progetto nasce dall’idea di creare un polo termale che, insieme a Saturnia, possa soddisfare le richieste di una clientela esigente, attenta alla natura, con un’offerta differenziata che valorizzi, anche, il patrimonio ambientale e storico-culturale della zona. Il nuovo centro termale di Pitigliano, quindi, non si pone in competizione con quello storico di Saturnia, ma piuttosto lo completa e lo arricchisce, proponendo un tipo di acqua di natura solfato calcica magnesiaca a una temperatura che varia dai 32 ai 34°C. Il programma SPA è di alta qualità e comprende trattamenti di medicina estetica e dermatologica, medicina naturale, idroterapia, fanghi, massaggi, fisioterapia, fitness, dietologia e tanto altro ancora nell’ottica di una concezione olistica del benessere, che pone al centro dell’attenzione e della cura la persona e il suo equilibrio psicofisico. La struttura è costituita da tre edifici, di cui uno riservato alle cure termali (fino a 100 trattamenti giornalieri), e gli altri due all’accoglienza alberghiera: 19 camere, 18 suites e 16 junior suites, oltre a bar, ristorante, lounge, sala congressi, sala lettura. Le piscine termali sono due: una riservata esclusivamente agli ospiti dell’albergo, che potranno godere di ogni forma di privacy, l’altra destinata al pubblico esterno con una capacità di circa 300 utenti al giorno. Il target di riferimento di questo nuovo centro a quattro stelle, indirizzato al turismo termale nazionale e internazionale, è una clientela attenta ai concetti di efficienza e di modernità, ma anche sensibile all’arte dell’ospitalità. Essere coccolata in un ambiente bello, sereno e affidabile è una prerogativa a cui non può rinunciare. Per questo sceglierà l’Hotel Terme di Pitigliano, insieme a una serie di plus che lo caratterizzano. Prima di tutto la location: un ambiente naturale tranquillo, poco edificato, ma ricco dal punto di vista archeologico e culturale, oltre che gastronomico. Il centro abitato più vicino è la splendida Pitigliano, a soli 5 chilometri, conosciuta come la “città del tufo” o la “piccola Gerusalemme”, un autentico scrigno di tesori della preistoria, dell’epoca etrusca e romana e del medioevo, come testimoniano il grandioso Palazzo Orsini e l’antico acquedotto. A breve distanza, Sorano, Sovana, Manciano,e Scansano , piccoli gioielli della Maremma. Per gli amanti della buona cucina, questa fetta di terra lambita dal fiume Fiora è famosa per la qualità dei pecorini,per la lavorazione delle carni suine,dell’olio extravergine di bassa gradazione acida, ma soprattutto per i suoi vini bianchi e rossi doc di altissima qualità e per numerosi altri prodotti agricoli locali che costituiranno i punti di forza dell’esclusivo Ristorante delle Terme.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Parma iscriviti alla nostra newsletter