Smartphone e tablet scarichi non accettati sui voli British in Gran Bretagna

Anche la Gran Bretagna bandisce in parte smartphone e tablet scarichi in volo: attenzione al momento dei controlli.

Qualche giorno fa ha destato particolare interesse la notizia relativa alle nuove norme di sicurezza applicabili per chi vola dagli Stati Uniti.
Si è infatti appreso che non ci si potrà più imbarcare con smartphone e tablet scarichi: ai controlli di sicurezza infatti questi dispositivi verranno ispezionati e, se non riusciranno ad accendersi per via della batteria scarica, li si dovrà lasciare a terra o comunque si verrà sottoposti ad ulteriori procedure di controllo, con il rischio di perdere il volo prenotato.
Anche in Europa si inizia a prendere in considerazione questa misura di sicurezza, atta a stroncare tentativi di attacchi terroristici tramite nuovi esplosivi e nuovi sistemi.
Si apprende infatti che anche per salire a bordo di voli in partenza dalla Gran Bretagna verso gli Stati Uniti si dovrà avere carica sufficiente per lasciare il telefono acceso per le ispezioni del personale addetto ai controlli di sicurezza.
E’ un fatto noto che molti viaggiatori scelgono la Gran Bretagna per effettuare uno scalo utile per poi raggiungere gli Stati Uniti e dunque anche la British Airways ha deciso di omologarsi alle nuove norme a stelle e strisce.
Tuttavia, al contrario di quanto avviene oltre oceano, la compagnia aerea britannica ha annunciato che i device scarichi potranno essere spediti all’indirizzo del possessore e dunque viaggeranno in maniera separata da esso.
E nel caso di acquisto di tablet o smartphone all’interno dell’area aeroportuale prima dell’imbarco, si dovrà provvedere a caricare almeno in parte il nuovissimo dispositivo.
E’dunque consigliabile avere sempre con sè un caricabatterie e in ogni caso iniziare a prendere visione con attenzione delle nuove norme di sicurezza prima di arrivare in aeroporto.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Roma iscriviti alla nostra newsletter