Scoperta archeologica in Israele, il maltempo fa ritrovare una statua romana

Statua romanaStatua romana

Dal maltempo ci si aspetta solo delle negatività. In questi giorni su tutta la penisola italiana  c’è un’ondata di gelo e il maltempo ha messo in ginocchio anche alcune città. A New York una tempesta di neve ha bloccato gli aeroporti. Analoga situazione in diversi scali aeroportuali del nord Europa.

In Israele invece, il maltempo ha fatto scoprire una statua risalente ad epoca romana. Segno del destino, non c’è dubbio. Lì dove non ci è arriva l’uomo ci ha pensato la natura, la stessa che molto spesso gli uomini non hanno la delicatezza di lasciarla incontaminata.

All’inizio della settimana, rende noto l’Ente Turistico di Israele, una tempesta ha colpito la costa mediterranea di Ashkelon. Passata la tempesta (parafrasando una nota poesia) un passante ha scoperto per una pura casualità la statua. Avvisati gli addetti dell’Istrael Antiquites Autority, il reperto archeologico è stato trasferito in un luogo più sicuro dove la statua sarà restaurata e preparata per l’esposizione in un museo.

La statua è in marmo bianco e rappresenta una figura femminile ricoperta da una tunica con sandali ai piedi. La statua non ha la testa e braccia ed è alta poco più di un metro per ducento chili di peso. Lo studioso Yigal Israeli dell’ Israel Antiquities Authority ritiene che risalga al periodo dell’occupazione romana nella regione allora chiamata la Giudea occidentale, circa 1700 anni fa. Il reperto è stato rinvenuto tra i detriti di rupe crollata in seguito alla pioggia, vento e mareggiate.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Israele iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*