Ryanair aumenta le tariffe del biglietto ma è esente da colpe

Ryanair aumenta le tariffe del biglietto ma questa volta è esente da colpe
Ryanair aumenta le tariffe del biglietto ma questa volta è esente da colpe

Ci aveva abituato alle più disparate trovate, Michael O’Leary CEO di Ryanair, pur di aumentare i costi del biglietto e di recuperare le spese. Questa volta però, pur annunciando un aumento di circa 25 centesimi di euro a biglietto, Ryanair è esente da colpe.

L’incremento del costo del biglietto, infatti, è dovuto all’entrata in vigore di una nuova tassa che tutte le compagnie aeree, comprese le compagnie non europee, dovranno pagare a partire dall’inizio dell’anno 2012. Si tratta dell’ETS (Emission trading System) una tassa che servirà a r ricompensare dell’emissione di gas serra.

Gli Stati Uniti sono il primo Paese al mondo responsabile, con le proprie compagnie aeree, dell’inquinamento. Il 50% delle compagnie aeree degli States, infatti, è responsabile dell’inquinamento totale delle compagnie aeree che in totale rappresenta il 3% del contributo mondiale di Co2.

La prima compagnia aerea che ha deciso fin da subito di adeguare il biglietto alla nuova gabella è Ryanair che dovrà sborsare circa 15 milioni all’anno per la nuova tassa.

Come sempre accade, l’introduzione di una nuova imposta grava sul consumatore finale che si vede, così, aumentare il prezzo per il servizio o prodotto. E’ pur vero che compagnie aeree low cost come Ryanair non sono in grado di ammortizzare un simile importo perché, mentre nel passeggero si traduce in pochi centesimi di euro nella corporate significa milioni di euro. Dovendo fare il conto sulle dita è gioco forza che le compagnie decidano di non contribuire direttamente al pagamento.

Per il momento le notizie dell’aumento del biglietto arrivano solo dal versante Ryanair ma in tempi stretti, siamo pur certi, che saranno tante altre le compagnie a prendere esempio da quella irlandese.

L’auspicio di Stephen McNamara, portavoce di Ryanair, è che questa tassa, pur indesiderata, dia un nuovo impulso alle compagnie aeree ad adottare politiche aziendali ambientali e carburanti bio.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 351 Articoli
Anna Bruno è giornalista professionista, muove i suoi primi passi come cronista a “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), tra i quali “Viaggi e Sapori” e “Gente Viaggi” e i maggiori magazine di tecnologie. Nel 1998 fonda l’agenzia di comunicazione e Digital PR “FullPress Agency” che edita, dal 2001, FullTravel.it, magazine di viaggi online e VerdeGusto, magazine di food & wine, dei quali è direttore responsabile. Appassionata di fuori rotta, spesso si perde in nuovi sentieri, tutti da esplorare. È autrice di “Chat” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Viaggiare con Internet” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Comunità Virtuali” (Jackson Libri, Milano, 2002), “Digital Travel” (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020),  “Digital Food”  (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020) e dell’e-book “Come scrivere comunicati efficaci”. È delegata dei giornalisti di viaggio delle Marche-Umbria-SUD del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica). Digital Travel & Food Specialist, relatrice in eventi del settore turistico e food e docente in corsi di formazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*