Roma Nascosta: viaggio nei sotterranei di Roma

Continuano le iniziative a favore dell'arte a Roma; per una settimana, dal 25 al 31 maggio, la Città Eterna potrà essere visitata in luoghi inediti, tradizionalmente chiusi al pubblico.

L’iniziativa Roma Nascosta – Percosi di archeologia sotterranea permetterà di scoprire circa 30 siti archeologici sotterranei, quali catacombe, case romane, i sotterranei di storici palazzi e di chiese importanti, mitrei e necropoli.
Ci sarà dunque la possibilità di effettuare visite guidate anche durante le giornate di partura straordinaria; per chi volesse approfondire anche l’aspetto prettamente teorico e storico, sono previste varie conferenze curate dal Sovraintendente ai Beni Culturali del Comune di Roma Umberto Broccoli e del Professore Andrea Carandini. Ogni giorno alle ore 18, tra il 25 e il 29 maggio, si potrà partecipare semplicemente presentandosi l’Auditorium del Museo dell’Ara Pacis ; l’ingresso è libero ma fino ad esaurimento posti.

Il sindaco Alemanno ha così introdotto l’iniziativa Roma Nascosta: “I romani passeggiano su un enorme patrimonio culturale che normalmente è possibile visitare solo in parte e che spesso è sconosciuto ai più. Questa è un’opera di disvelamento per far conoscere le radici profonde di Roma sia ai romani che ai turisti“.

Roma Nascosta è destinata a proseguire di anno in anno, con continue annessioni di luoghi nuovi da visitare; lo spiega bene il Presidente di Zètema Francesco Marcolini: “Noi abbiamo voluto fare di Roma Nascosta, che verrà replicata tutti gli anni, un modello gestionale: l’iniziativa è stata infatti finanziata da contributi privati e anche la gestione delle visite, attraverso un bando, è stata affidata ai privati. In questo modo iniziamo a ragionare in modo imprenditoriale, senza gravare sulle spese comunali” e ancora aggiunge: “I siti sono stati scelti in base all’agibilità e alla luce, per questo alcuni luoghi eccezionali sono rimasti fuori dal circuito, ma stiamo provvedendo a un ampliamento e l’anno prossimo, grazie anche all’Acea, riapriremo almeno 15 siti, come ad esempio le tombe ebraiche di Villa Torlonia. Nei fine settimana estivi inoltre alcuni siti resteranno aperti oltre il 31 maggio“.

Un ulteriore buon motivo per visitare Roma, magari approfittando del lungo ponte del 2 giugno.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter