Ritornano i presepi d’autore a Castell’Arquato

E' la tradizione più autentica e "tutta italiana" dedicata al Natale, il presepio, la suggestiva rappresentazione della Natività, dapprima "inventata" da San Francesco nel 1223 e poi tramandata da pittori e scultori.

Presepi d'autorePresepi d'autore

E’ solo dalla metà del 1700 però, quando Carlo III di Borbone diffonde il presepe nel Regno di Napoli che inizia la sua fortuna “popolare”, e che si tramanda fino ai giorni nostri. Una magnifica raccolta di presepi è in mostra da venerdì 8 dicembre 2006 a domenica 14 gennaio 2007 all’ antico Palazzo della Pretura di Castell’Arquato, con il patrocinio dell’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Numerose le “opere d’arte” provenienti dalla collezione Maffi-Bonomini (tra cui il Presepe Provenzale, premiato nel 1990), e dalle collezioni Gabbiani, Tassi, Leardi, Migliorini, Arcari, Donato, Boiardi e Artoni, oltre a quelle realizzate dalla Congregazione Arti e Mestieri, che ha curato l’allestimento della mostra. Scenari tradizionali, come il deserto palestinese o paesaggi agresti, umili stalle o villaggi medievali, o ancora reinvenzioni simboliche e astratte fanno da cornice a presepi dalla grande forza emozionale, tutti da ammirare.

Opera della Congregazione Arti e mestieri è anche il grande presepio luminoso che campeggia nella Piazza Monumentale di Castell’Arquato. La mostra inaugura venerdì 8 dicembre alle 10 e resta aperta nei giorni prefestivi dalle 14.30 alle 17.30 e nei festivi anche il mattino dalle 10 alle 12.30. Durante i giorni feriali è possibile visitare la mostra prenotando con una chiamata al numero 347.5381000.


Vedi anche » ,

Informazioni utili

Cosa vedere a Parma   Dove dormire a Parma
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Parma iscriviti alla nostra newsletter