Recensioni hotel, guerra fredda tra albergatori e player del settore

Recensioni hotel - Be! Wizard!
Recensioni hotel - Be! Wizard!

Sono reduce dal Be-Wizard! di San Marino, evento-corso sul web marketing con sessioni dedicato al turismo. La due giorni del Be!Wizard! mi ha dato l’occasione di conoscere nuove persone, molte di spessore e soprattutto di toccare da vicino alcune realtà.

Durante la seconda giornata dell’evento ho seguito con interesse la sessione dedicata alle recensioni alberghiere. Sul palco sono stati invitati i rappresentanti dei tre player del settore più importanti (TripAdvisor, Trivago e Zoover)  ed un avvocato esperto di diritto e Internet. In platea un numero consistente di albergatori oltre ad addetti ai lavori. La prima impressione è stata pittoresca. Da una parte i tre poveri rappresentati dei player, vittime sacrificali, dall’altra parte in numero decisamente più consistente, la “parte lesa” ovvero gli albergatori. Quando i tre rappresentanti sono saliti sul palco ho avuto la sensazione che in platea qualcuno avrebbe imbracciato volentieri un fucile, se fosse stato possibile,  per fare tiro a piattello. Quale migliore occasione di vedere in riga gli eterni nemici? Dall’altra parte, in barba a qualsiasi discorso, i tre prescelti sono rimasti sulle loro posizione senza “mai” scendere a compromessi con gli albergatori.

Le lamentele sulle recensioni degli hotel che danneggiano (a detta degli albergatori) a volte ingiustamente le strutture e quindi il business degli operatori turistici, non sono state in nessun modo raccolte dai rappresentanti di TripAdvisor, Trivago e Zoover, nonostante una sorta di mediazione dell’avvocato presente sul palco.

Un elemento, però, è stato precisato: gli albergatori hanno diritto a richiedere il nominativo di chi ha scritto un commento e i player sono tenuti a rilasciare le informazioni richieste cosa, che invece, non hanno mai fatto. Uno a zero per gli albergatori, non c’è dubbio.

Mi chiedo, però, alla luce di questa rissa non sedata, l’utente come può capire se la recensione è valida? Tutti i player accettano recensioni anonime (quindi ad alto  potenziale di falsificazione anche da parte degli stessi albergatori che possono scrivere recensioni buone o false se indirizzate a competitor), tutti accettano recensioni anche di chi non ha soggiornato (alcuni sostengono di effettuare controlli ma si sa che il falsario non è uno sprovveduto e le regole per aggirare certi ostacoli si imparano in fretta). Lo scenario che mi appare non è di garanzia e le mie perplessità rimangono. Non so se i vostri dubbi sono altrettanto amletici.

Informazioni utili

Cosa vedere a   Dove dormire a

6 Commenti

  1. dovrebbero chiudere i siti così …..pubblicano solo quello che vogliono loro……tripadvisor su che base pubblica una recensione piuttosto che un altra??? la mia non l’hanno mai pubblicata ….

  2. Ciao Michele, intanto grazie per aver lasciato il tuo pensiero e per la tua disponibilità. Resto a tua disposizione. Grazie, Anna

  3. Ciao Anna,
    confermo quanto ha scritto Stefano e Fabio, almeno percepito dal palco.

    Grazie per il tuo riepilogo dedicato al nostro pannello.

    Qualora un albergatori avesse un quesito con la sua struttura recensita su Zoover può contattarmi tranquillamente tramite numero verde, e-mail, skype e blog. I miei riferimenti sono tutti on-line.

  4. Ciao Fabio, ciao Stefano. Mi fa piacere avervi ospiti sul mo blog. @Fabio Rispondo qui anche ad altri contributi che ho sparso in altri spazi. Ammetto che non è facile organizzare un evento come Be!Wizard con ospiti internazionali (ricordo il Sems di Milano, lasciamo perdere). Vi invito a continuare su questa strada con qualche limatura che, a parte me, anche altri hanno suggerito. Rimango comunque a disposizione per “varie ed eventuali”. @Stefano E’ normale che le cose non siano “pacifiche”. Ci sono delle spaccature evidenti, forse non tanto con Trivago, ma TripAdvisor dovrebbe scendere a maggiori compromessi, a mio avviso. L’aria di guerra si percepiva molto in platea e tu sai bene a che posto ero seduta 🙂 Grazie ad entrambi per il contributo.

  5. Cara Anna,

    come dice Fabio non mi sembra neanche a me di aver assistito a una guerra..

    Il nostro controllo editoriale, ribadisco, è forte, articolato e implementato negli anni. Onestamente oltre a chiedere una prova del soggiorno come una fattura o una conferma di prenotazione non saprei cosa dovremo fare … chiedere le ciabattine dell’hotel ?!? Troppe volte (ahinoi) abbiamo invece svelato tentativi di falsificazione a opera di albergatori e agenzie (o sedicenti tali) che si spacciano per professionisti della “falsa” recensione.
    A che pro vorrei sapere … una guerra a svalutare la struttura del vicino porta solamente a danneggiare l’immagine generale di una destinazione.

    Ti sei dimenticata cosa hanno detto Emanuele Bonetti e Alessandra Niada di Best Western nella mattinata di sabato ?!? Recensioni come opportunità !

    Non va fatto alcun distinguo tra catene e piccoli B&B se è vero che la migliore struttura in Italia su trivago è un hotel a una stella … provare per credere … http://www.trivago.it/italia-31467

    Un saluto

    Stefano Manzi
    Assistant Manager trivago.it

  6. Io penso che c’è la libertà d’espressione e c’è la legge: se le recensioni negative violano la legge gli albergatori hanno diritto di difendersi, se sono “corrette” hanno il dovere di tenerne umilmente conto e migliorare.

    Io non ho notato guerre, solo una discussione “viva” dalla quale sono usciti finalmente alcuni punti fermi grazie al parere dei legali: l’anonimato non può essere difeso quando nasconde la diffamazione o un tentativo di concorrenza sleale e i mezzi per difendersi ci sono.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*