» »

Carciofo Romanesco del Lazio

Il Carciofo Romanesco del Lazio è un prodotto ortofrutticolo IGP laziale coltivato nell'intero territorio amministrativo dei seguenti comuni  delle province di Viterbo, di Roma e di Latina: Montalto di Castro, Canino, Tarquinia, Allumiere, Tolfa, Civitavecchia, Santa Marinella, Campagnano, Cerveteri, Ladispoli, Fiumicino, Roma, Lariano, Sezze, Priverno, Sermoneta, Pontinia.

Carciofo Romanesco del LazioCarciofo Romanesco del Lazio

Il Carciofo Romanesco del Lazio deriva dalle cultivar castellammare e campagnano. E' chiamato anche "cimarolo" o "mammola", ha forma sferica, compatta e non ha spine. Viene raccolto da febbraio a maggio, ed è spesso impiegato nella preparazione di piatti tipici. Le foglie sono di colore verde cinerino, di dimensioni grandi, il capolino principale è sferico, compatto con caratteristico foro all'apice, di dimensioni molto grandi, e le brattee esterne hanno sfumature violette, ad apice arrotondato e inciso. Il peduncolo è medio o lungo, di grosso spessore.

Reg. CE n. 2066 del 21.11.02


Informazioni utili



Devi essere loggato per lasciare una recensione/commento Login