Prenotazione hotel, gli utenti Apple scelgono i più lussuosi

Prenotazione hotel, gli utenti Apple scelgono i più lussuosi
Prenotazione hotel, gli utenti Apple scelgono i più lussuosi

Un’indagine del sito Orbitz, così come riportato da USA Today, ha rilevato che gli utenti Apple (Mac, iPhone, IPad, etc.) tendenzialmente prenotano alberghi da 4 stelle in su.

Anche la scelta delle tecnologie e, quindi, di Apple ha a che fare con la condizione economica e non tanto con quella dell’effettivo utilizzo. Secondo la ricerca di Orbitz, infatti, gli utenti Mac hanno il 40%  di probabilità in più di prenotare un hotel dalle categorie elevate rispetto ad un “povero” utilizzatore di PC.

Questo comportamento, per la verità non stupisce. Visti i costi della tecnologia Apple, certamente più elevati di quelli del “popolo” di Microsoft o dispositivi con software open source, è abbastanza lampante che molti utilizzatori dei prodotto di Steve Jobs hanno anche una disponibilità economica maggiore.

E’ chiaro che siamo nell’ambito delle statistiche e nulla di quello che dichiara Orbitz è una verità assoluta, però alla singolarità della ricerca si aggiunge una affermazione che potrebbe essere composta dalle parole “cosa c’è di strano?”

La ricerca si basa su analisi dei log che hanno messo a nudo l’effettivo comportamento degli acquirenti con una elaborazione di circa 750 terabyte (ogni terabyte può contenere circa 285 milioni di testo).

E’ evidente che nulla lascia il tempo che trova. L’indagine, apparentemente innocua, potrebbe spingere gli hotel di lusso o dalle quattro stelle in poi, a creare applicazioni ad hoc soprattutto per i prodotti Apple con buona pace dei dispositivi figli del popolo.

Pensare che spesso, in forma divertita, ho sentito dire che gli utilizzatori Apple sono di sinistra. Evidentemente non si era a conoscenza di questa nuova indagine di Orbitz, posto sempre che un dispositivo possa effettivamente denotare qual è la scelta politica e, soprattutto, quale la disponibilità economica. Le statistiche, in fondo, hanno una credibilità e un supporto scientifico ma mi piace pensare che siano anche pronte per essere smentite.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*