Pollica regina della Guida Blu e a Maratea arrivano le 5 vele

Porto di Acciaroli (Pollica) - Parco del Cilento e Vallo di Diano - Foto di Francesca per i Diari di Portanapoli
Porto di Acciaroli (Pollica) - Parco del Cilento e Vallo di Diano - Foto di Francesca per i Diari di Portanapoli

Non c’è una vittoria più bella della riconferma. Anche quest’anno Pollica (il comune di Acciaroli e Pioppi) si posiziona in prima posizione della Guida Blu di Legambiente e Touring Club conquistando le 5 vele. Lo specchio di mare delle frazioni di Pollica, con il porto turistico di Acciaroli (piccolo ma grazioso), è una perla della Campania e più specificatamente del Parco del Cilento e Vallo di Diano.

Fa capolino, per la prima volta e con viva soddisfazione per me lucana, Maratea. La perla del Tirreno, così definita per la sua bellezza dovuta anche ad una edilizia che qui è ferma da oltre un trentennio e che di fatto ha conservato il territorio,  conquista per la prima volta le “5 vele” e si inserisce nelle quattordici località italiane che possono vantare questo titolo.

Ben tre le località toscane (Capalbio, Castiglione della Pescaia e l’Isola della Capraia) che rappresentano le località più a nord dello “stivale” essendo uscita di scena la Liguria. Tutto il resto è un’esplosione del sud, dalla Sicilia (Isola di Salina, San Vito Lo Capo e Noto) alla Sardegna (Posada, Villasimius, Bosa e Baunei), passando dalla Puglia (Ostuni e Otranto).

La Guida Blu tiene conto della qualità del territorio, dei servizi e delle politiche di tutela e sostenibilità, tutte peculiarità che si trovano in forma impeccabile nelle 14 località premiate.

Ritornando a Pollica, tristemente nota anche per l’omicidio del suo sindaco di qualche tempo fa, forse proprio per salvaguardare il territorio dalla speculazione ambientale ed edilizia, questo ambito premio è un riconoscimento, a mio modesto parere, a tutta l’area costiera del Cilento. Mi reco spesso in questi posti, e ad eccezion fatta per alcuni comuni, la costa cilentana (da Agropoli a Scario) è un’esaltazione della natura.

Non fa parte della Guida Blu anche se meriterebbe maggiore fortuna, per esempio, Castellabate (nota per il film Benvenuti al Sud) a pochi chilometri da Acciaroli che ha spiagge e un sistema ambientale molto curato. Di recente sono stata sulla spiaggia in località Lago – Tresino (Bandiera Blu 2010), mi ha colpito l’estrema pulizia, l’organizzazione e il colpo d’occhio della sabbia che emulava la cipria rosa.

Maratea, la località lucana sul mare Tirreno con i suoi 33 chilometri di costa, si trova non molto distante dalla costa cilentana a cui si frappone solo il golfo di Policastro, sempre in provincia di Salerno. Fa sensazione non trovare nessuna località della Calabria in questa particolare classifica, eppure a partire dalla costa tirrenica dell’alto cosentino, ci sono alcune località che meritano (San Nicola Arcella ma anche Fiuzzi, a Praia a Mare) e che forse hanno bisogno di una politica ambientale più oculata e di una maggiore attenzione al territorio.

Il virtuosismo del sud mi inorgoglisce anche perchè rappresenta una risposta con i fatti a quanti ancora oggi vivono di pregiudizi nei confronti del meridione d’Italia, spesso maltrattato anche da chi non ci ha mai messo piede. 

Classifica Guida Blu 2011 “5 vele”

Posizione Località premiate dalle 5 vele Regione Provincia
1 Pollica Acciaroli e Pioppi Campania Sa
2 Isola di Salina Sicilia Me
3 Capalbio Toscana Gr
4 Posada Sardegna Nu
5 Castiglione della Pescaia Toscana Gr
6 San Vito Lo capo Sicilia Tp
7 Ostuni Puglia Br
8 Villasimius Sardegna Ca
9 Isola di Capraia Toscana Li
10 Noto Sicilia Sr
11 Otranto Puglia Le
12 Bosa Sardegna Nu
13 Maratea Basilicata Pz
14 Baunei Sardegna Og
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*