Parigi, Tour Eiffel: ascensori ancora fuori uso

Gli ascensori della Tour Eiffel, monumento simbolo di Parigi, da qualche settimana sono fuori uso. Onde evitare sorprese per chi ha già preventivato di salire sulla Torre Eiffel, ecco alcune indicazioni.

Sono trascorse circa due settimane da quando gli ascensori della Tour Eiffel sono stati messi fuori servizio ma la situazione non sembra essere ancora migliorata.
Tra tutti, resta attivo un solo ascensore per il trasporto di un massimo di 90 persone a viaggio: decisamente troppo poco per andare incontro alla domanda di accessi alla Tour Eiffel che statisticamente si registra in questo momento dell’anno, foriero di weekend a Parigi e di offerte acciuffate in occasione del Ponte del 25 aprile a Parigi o del 1° maggio.
Due degli ascensori della Tour Eiffel sono in stato di manutenzione, così come l’intera zona ovest della Torre. In quest’ultimo caso, la situazione non si normalizzerà prima di fine anno ma si tratta di un progetto a lungo termine il cui svolgimento è risaputo ed ampiamento programmato.
Diverso il discorso per il resto degli impianti, ora solo parzialmente attivi: restano funzionanti un ascensore piccolo, utilizzato però esclusivamente dai clienti del ristorante in cima alla Tour Eiffel, e l’ascensore aperto ai visitatori situato nel pilone est.
Infine, è attivo un montacarichi che – com’è facilmente intuibile – non può essere utilizzato per il trasporto dei turisti ma del solo personale addetto.
Ovviamente c’è la possibilità di salire a piedi ma in questo caso si potrà arrivare fino ad una certa altezza, oltre la quale si dovrà comunque attendere il proprio turno per salire sull’unico ascensore disponibile: il consiglio è perciò di armarsi di molta pazienza e di rifocillarsi ben bene prima di mettersi in coda.
Diversamente, si dovrà optare per evitare del tutto l’ingresso alla Tour Eiffel, riservandosi questa possibilità per un futuro viaggio a Parigi.
La data di riapertura degli ascensori attualmente non funzionanti non è nota: i lavori procedono regolarmente ma uno degli ultimi collaudi effettuati nell’ala nord ha ulteriormente rallentato l’avanzamento della situazione.
Solo qualche giorno fa, infatti, un cavo della cabina si è rotto e l’ascensore nord è precipitato nel vuoto per una quindicina di metri.
Un incidente che per fortuna non ha avuto conseguenze letali, poichè l’ascensore era in quel momento vuoto.
Sebbene i turisti protestino e si mostrino molto spazientiti e delusi dal non poter salire sulla Tour Eiffel o dal poterlo fare solo dopo ore ed ore di code, c’è da ammettere che – trattandosi di una struttura così particolare e con impianti datati – la manutenzione potrebbe risultare più difficile e lenta del previsto.
Per fortuna c’è solo l’imbarazzo della scelta quando ci si domanda cosa visitare a Parigi: tanti sono i musei e i monumenti da vagliare in sostituzione dell’eventuale rinuncia alla salita sulla Torre Eiffel.

Informazioni utili

Cosa vedere a   Dove dormire a