Offerte di viaggio, partnership tra Expedia e Groupon: nasce Groupon Getaways

Offerte di viaggio, partnership tra Expedia e Groupon: nasce Groupon Getaways
Offerte di viaggio, partnership tra Expedia e Groupon: nasce Groupon Getaways

Di recente ho letto un libro dal titolo “Nuovi turismi”  di Mario Gerosa e Sara Magro, edito da Morellini Editore. Gli autori hanno sottolineato come, negli ultimi anni, sono sorte tantissime forme di turismo. Il cambiamento in atto, in ambito travel, è ben evidente e anche la distribuzione, grazie anche a nuovi mezzi come Internet, ha risentito fortemente di questi mutamenti.

Ed ecco che arriva l’ultima novità in ambito di partnership di viaggi, sempre più attuali, che in questo caso ha visto come protagonisti due grandi attori: da una parte Expedia, OTA dalla leadership incontrastata nel mondo dei viaggi online, dall’altra Groupon, la società che si occupa di gruppi di acquisti più famosa con crescita esponenziale importante, sia dal punto di vista del successo e sia dal punto di visto economico.

Dalla partnership delle due società nasce Groupon Getaways. Si tratta di un’area di Groupon dedicata alle offerte dei circa 135.000 hotel di Expedia in tutto il mondo. Paesi pilota di questa particolare operazione sono gli Stati Uniti e il Canada con espansione successiva in tutto il mondo. Ad essere interessati non sono solo gli hotel presenti in Expedia ma anche tutte le altre nicchie commercializzate dalla OTA, crociere, noleggio auto, biglietti aerei, etc..

Il modello di Groupon Getaways è lo stesso di Groupon ovvero i clienti potranno acquistare pacchetti viaggio a prezzi molto scontati (non meno del 50%) in un lasso di tempo limitato. Secondo gli esponenti delle due società, questa partnership vede tutti vincenti, a partire dai clienti che potranno contare sulla vasta scelta di offerte di viaggio di Expedia, passando per Groupon che mette a disposizione un numero consistente di utenti iscritti alla piattaforma, fino ad arrivare ad Expedia che in questo modo potrà offrire un nuovo servizio ai propri clienti e raggiungere utenti profilati di indiscusso valore. Sarà proprio così oppure siamo costretti a registrare l’ennesima prepotenza dei grandi gruppi a discapito, neanche a dirlo, dei piccoli che hanno fatto la fortuna del Web?

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*