Nel Parco di Carrega Sapori dei Boschi

Dieci itinerari da libro d'avventure, per altrettante domeniche, lungo tutto l'arco dell'anno in terra parmense, cominciati il 2 marzo con "Fra laghi e vigneti". Per assaporare le fragranze e i "Sapori dei Boschi".

L’irresistibile “richiamo della foresta”, che, anche se non riecheggia dei bramiti dell’elefante indiano o dei ruggiti della tigre del Bengala, riserva tuttavia ben più gradite e.tranquille sorprese. Visite guidate alla scoperta delle tradizioni e della natura del gioiello naturalistico situato nei territori dei Comuni del Consorzio del Parco Boschi di Carrega, con un salto alle Aziende agricole (Fattorie Aperte, domenica11 e domenica 18 maggio) per la degustazione di prodotti tipici. Primo Parco Regionale dell’Emilia Romagna, dal 1982, 1260 ettari di estensione, comprende i Comuni di Collecchio, Parma, Felino, Fornovo Taro e Sala Baganza (splendida la sua Rocca coinvolta quest’anno nelle celebrazioni del Parmigianino, con il tour “Le arti e le corti”). Antica riserva di caccia (oggi la ricca fauna è protetta), il Parco alterna stupende aree boschive (celebre la Faggeta di Maria Amalia) a prati stabili e seminativi, con ruscelli e specchi d’acqua, fiori e piante e funghi che ne rivelano l’ottimo stato di salute.

Il Casino dei Boschi, la Villa del Ferlaro, la Pieve di Talignano sono solo alcune delle attrattive architettoniche e storiche fruibili. Gioie per gli occhi e per il palato: nella terra della buona tavola una sosta tra profumi e sapori della tradizione è di rigore! Itinerari dal sapore speciale, dunque: la presenza di una guida qualificata che durante le escursioni illustrerà ai visitatori, come in un’avvincente narrazione salgariana, le meraviglie del territorio, la storia e le attività ecocompatibili di sviluppo. Il coinvolgimento diretto degli imprenditori, (caseifici, aziende vitivinicole e biologiche, agriturismi) che, oltre alla realizzazione dei percorsi nelle loro proprietà, offriranno supporto culturale e imperdibili assaggi dei loro prodotti (alcuni itinerari sono organizzati con il patrocinio della Strada del Prosciutto e dei Vini dei Colli di Parma). In carrozza, in mountain bike, in pulmino e, per gli amanti del trekking, a piedi (è possibile organizzare visite per portatori di
handicap) si va per il Parco e per aree limitrofe meno note ai visitatori, e tuttavia di irresistibile fascino. Ed ecco, in sintesi, i “magnifici dieci”.

Per informazioni e prenotazioni:
Centro parco Casinetto-Settore Cultura Via Olma, 2 – 43038 Sala Baganza (Pr) Tel. 0521.836026 Fax: 0521.836369

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Parma iscriviti alla nostra newsletter