Napoli da scoprire sulla funicolare

Fu scritta proprio a Napoli la celebre canzone <>, quando era in funzione la mitica Vesuviana, che portava al cratere del vulcano. Dismesso quello storico impianto, nel capoluogo partenopeo funzionano oggi quattro funicolari, che collegano il centro ai quartieri alti delle colline.

Weekend a Napoli - panoramaWeekend a Napoli - panorama

Fu scritta proprio a Napoli la celebre canzone <>, quando era in funzione la mitica Vesuviana, che portava al cratere del vulcano. Dismesso quello storico impianto, nel capoluogo partenopeo funzionano oggi quattro funicolari, che collegano il centro ai quartieri alti delle colline.
Comode, veloci, con complessivi 16 stazioni e più di 3 km di rotaie, le loro piccole carrozze colorate sono tra i mezzi preferiti da napoletani e turisti.

Le funicolari Centrale, di Chiaia e di Montesanto collegano il centro al panoramico quartiere Vomero; quella di Mergellina è invece il tramite tra la collina di Posillipo e il mare.
La Centrale è stata spiritosamente ribattezzata la “funicolare dello shopping”, perché mette in comunicazione le zone commerciali più floride ed eleganti: via Roma e dintorni (Galleria Umberto e via Chiaia) con via Scarlatti e via Giordano.
Zone ricche anche da un punto di vista storico, monumentale e culturale.

La funicolare di Chiaia risale al 1889 ed è una delle più antiche d’Italia, collega i quartieri adiacenti alla Riviera di Chiaia al verdissimo Vomero, servendosi di due moderne linee dalla portata massima di 300 persone.
La linea di Montesanto, in funzione dal 1891 e profondamente rinnovata negli ultimi tempi, conduce sempre alle fresche alture del Vomero partendo però dal cuore popolano di Napoli, il quartiere della Pignasecca.
Mentre la Mergellina fa su e giù tra il porticciolo turistico e l’elegante Posillipo.

Informazioni:
numero verde 800 56 88 66


Vedi anche » ,

Informazioni utili


Sito Web Cosa vedere a Napoli   Dove dormire a Napoli
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Napoli iscriviti alla nostra newsletter