MSC Crociere: sospesi scali in Turchia, si farà sosta in Grecia

L'azienda MSC Crociere annuncia la sospensione degli scali in Turchia, fino a data da destinarsi.

Una nave MSC Crociere in navigazione nel MediterraneoUna nave MSC Crociere in navigazione nel Mediterraneo

Comunicazioni ufficiali in arrivo dagli ambienti di MSC Crociere.
La compagnia crocieristica ha annunciato di aver deciso di sospendere tutti gli scali in Turchia, in vista delle prossime partenze dirette alle mete del Mediterraneo Orientale.
In considerazione delle mutate condizioni socio-politiche al momento vigenti in Turchia, si è propensi ad evitare di condurre i passeggeri nei porti del paese, per tutelare quanto più possibile la sicurezza degli ospiti.
I primi effetti di questa strategica decisione si vedranno nella pratica a partire dal mese di marzo 2016, con la prima crociera che si sarebbe diretta verso la Turchia: si tratta del viaggio previsto per il 26 marzo 2016, da Venezia, a bordo di Msc Magnifica.
Successivamente, tutte le crociere MSC continueranno a non sostare più presso i porti della Turchia, fino a nuove comunicazioni.
Non si sa dunque quando la “classica” programmazione da catalogo riprenderà a tutti gli effetti: lo staff che si occupa di garantire la siurezza delle rotte di MSC Crociere valuterà in base all’evolversi stesso della situazione in Turchia.
Naturalmente i passeggeri non perderanno occasioni utili di scoperta e divertimento nel corso della crociera già prenotata e di prossima partenza: gli scali in Grecia sono già stati rischedulati dalla compagnia crocieristica.


Invece che fermarsi presso gli scali di Istanbul e Izmir, le navi MSC Crociere attraccheranno presso due porti della Grecia.
Per operare una sostituzione, si è dunque deciso di modificare le rotte, andando ad inserire i porti di Atene e dell’isola di Mykonos.
Per maggiori informazioni ci si potrà rivolgere direttamente al persone di MSC Crociere o in agenzia di viaggi.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Istanbul Turchia iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*