Mercatini di Pasqua in Italia

Anche da noi, quella del mercatino pasquale è un’usanza che va pian piano diffondendosi, sull’onda forse di quanto da decenni avviene nei paesi Oltralpe, e che coinvolge grandi e piccini in un’atmosfera allegra e contagiosa, fatta di piacevoli e spesso irresistibili tentazioni: dolciumi, giocattoli, decori per la casa….

Quest’anno, la Pasqua è bassa, cade a marzo, con la natura che inizia a risvegliarsi e le temperature che non invogliano a lasciare gli abiti pesanti. Cosa c’è di meglio, allora, di un mercatino pasquale, per riscaldarla un po’, riempiendola di colori, profumi, sapori e curiosità di cui traboccano le bancarelle in diverse parti d’Italia e oltreconfine. Anche da noi, quella del mercatino pasquale è un’usanza che va pian piano diffondendosi, sull’onda forse di quanto da decenni avviene nei paesi Oltralpe, e che coinvolge grandi e piccini in un’atmosfera allegra e contagiosa, fatta di piacevoli e spesso irresistibili tentazioni: dolciumi, giocattoli, decori per la casa…. Tutti al mercatino, allora, il modo migliore, per andare incontro alla festa e alla primavera.

In Valle d’Aosta, due gli appuntamenti da non perdere, in una cornice naturale fatta di boschi, pascoli, cascate e vette innevate: il Pequieu Martsé dou Brel, il mercatino dell’artigianato di Breuil-Cervinia (Aosta), che si svolge sabato 22 marzo, quando un folto gruppo di bancarelle invade festosamente l’isola pedonale, proponendo il meglio del ricco artigianato valligiano: tessuti in lino e canapa, manufatti in cuoio, oggetti di ferro battuto, pietra ollare, e legno, con belle statue intagliate, taglieri, utensili da cucina e gli immancabili sabot, i tipici zoccoli della Val d’Ayas. Informazioni: AIAT Breuil-Cervinia, tel. 0166.949136 sito internet: www.montecervino.it . E la Foire de la Paquerette a Courmayeur , il Lunedì dell’Angelo, lungo le vie del centro, con bancarelle ricolme di dolci, giocattoli, oggettistica e tante curiosità. Per saperne di più: AIAT Monte Bianco, tel. 0165.842060.

Bologna conferma la sua fama di città grassa e godereccia, proponendo, durante tutta la settimana, che precede Pasqua, un goloso mercatino allestito nel suo cuore antico, tra via Rizzoli, via Indipendenza e via Altabella, all’ombra di una svettante torre medievale. Le bancarelle, ricolme di dolci, caramelle e cioccolata, attirano curiosi e golosi di tutte le età e sono un’ottima occasione per acquistare un regalo o portare sulla tavola un dolce tradizionale, un uovo o una gallinella di cioccolato. Per saperne di più: Bologna Turismo, tel. 051.239660 www.bolognaturismo.info .

A Ferrara, nella centralissima piazza Trento e Trieste, all’ombra della splendida cattedrale romanico-gotica, il 22, 23 e 24 marzo, è di scena un rutilante Mercatino dell’Artigianato Artistico e Cose d’Altri Tempi, con oggetti in terracotta decorata e legno dipinto, bambole di pezza, lavori all’uncinetto, oggetti da collezione, stampe, libri, piccolo antiquariato e bric-à-brac, e molte curiosità. Per saperne di più: Ufficio Informazioni Turistiche presso il Castello Estense, tel. 0532.209370 www.ferrarainfo.com .

Anche Siena, la città del Palio più famoso d’Italia, ospita da diversi anni un ricco mercatino, che si svolge a partire dalla terza domenica, che precede la Pasqua, lungo viale XXV Aprile e nelle Piazza Gramsci e Matteotti, appena fuori dal centro storico. In mostra, prodotti e manufatti d’ogni tipo, che siglano non solo un’allegra e spensierata kermesse, ma anche piacevoli e golose tentazioni. Irresistibili, per esempio, i dolci della tradizione: cavallucci, copate, ricciarelli; i raffinati tessuti per l’abbigliamento e l’arredamento; i vetri artistici, le ghirlande di fiori secchi e i decori per la casa, gli oggetti in terracotta, paglia e vimini; i profumi naturali, i libri e, naturalmente, le tante bancarelle di giocattoli. Informazioni: Comune di Siena, tel. 0577.292230 www.comune.siena.it .

Dal 22 al 24 marzo, Orvieto, in Umbria, ospita nel suo quartiere medievale (via Filippeschi), un irresistibile mercatino, con specialità gastronomiche umbre, oggetti di artigianato tipico, abbigliamento e accessori. Un appuntamento molto atteso, e con molte iniziative collaterali, come la gita di Pasquetta tra i boschi della vicina Castel Viscardo, con visita alla necropoli etrusca delle Caldane e merenda a base di specialità pasquali, nella faggeta secolare. Informazioni: Servizio Turistico dell’Orvietano, tel. 0763.341772 www.orvietoturismo.it e Pro Loco Castel Viscardo, tel. 0763.361010.

Cerca offerte lastminute

Compariamo compagnie aeree ed agenzie di viaggio alla ricerca del miglior prezzo

Cervinia cosa fare


 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione CERVINIA iscriviti alla nostra newsletter