Medusa di Caravaggio ritirata dalla mostra a Milano

Torniamo a parlare della mostra di Caravaggio a Milano per un aggiornamento affatto piacevole: il capolavoro "Medusa" di Caravaggio è stato ritirato dall'esposizione. Vittorio Sgarbi, curatore della mostra, non demorde e annuncia l'arrivo di una nuova opera.

Arriva un aggiornamento circa la mostra di Caravaggio a Milano “Gli occhi di Caravaggio“, attualmente in svolgimento presso il Museo Diocesano: la celebre opera “Medusa” non è più in esposizione.
Il proprietario del quadro, infatti, sabato ha letteralmente staccato la tela dalla parete e l’ha riposta in una borsa, così da portala via. Il motivo del gesto non è noto, come non sono note le generalità di questa persona, un collezionista.
Non bastasse questa situazione surreale, la mostra Gli occhi di Caravaggio vede un ulteriore impoverimento nell’allestimento: il quadro “Il riposo durante la fuga in Egitto” non è mai arrivato nelle sale del Museo Diocesano. La tela è di proprietà di due fratelli della famiglia Doria Pamphili e, a quanto pare, non c’è stato accordo tra i due nel prestare il quadro per l’evento.
A conti fatti, la mostra su Caravaggio a Milano può contare su “Flagellazione“, tela pervenuta regolarmente dalle sale del Museo napoletano di Capodimonte.
Vittorio Sgarbi, irato per questa serie di accadimenti, ha dichiarato che si è già attivato per far pervenire una nuova opera che, però, è ancora avvolta da mistero.
Inoltre pare che si sia manifestata la volontà di portare la mostra su Caravaggio all’interno delle sale di Palazzo Reale, per fornire un nuovo percorso artistico accanto alla fortunata mostra su Arcimboldo.
L’evenienza non sarebbe affatto male, nè casuale: già attualmente esiste una sorta di “gemellaggio” tra le due mostre, visto che è possibile accedere a “Gli occhi di Caravaggio” con un biglietto ridotto, presentando il ticket d’ingresso della mostra su Arcimboldo.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter