La pubblicità e i commenti Facebook non convertono

La pubblicità e i commenti Facebook non convertono
La pubblicità e i commenti Facebook non convertono

C’è bisogno di un sondaggio per aver ulteriori conferme a ciò che si dice da tempo. A pensarci, questa volta, è stato Reuters e Ipsos che hanno così sentenziato: quattro utenti su cinque non hanno mai acquistato in seguito a commenti o annunci pubblicitari su Facebook, anche nel settore viaggi.

Il sondaggio ha messo in luce alcune nuove situazioni. Circa  il 34% ha dichiarato di spendere meno tempo sulla piattaforma social rispetto a sei mesi fa. Un bel pasticcio in casa Facebook che fino ad oggi ha sventolato ovunque i suoi 900 milioni di utenti che, a quanto pare, non sono tramutabili facilmente in numeri con la faccia stampata su carta verde.

In questi giorni si sta leggendo molto sulle capacità di persuasione della pubblicità di Facebook. Tutte, o quasi, abbastanza negative. Si sta apprendendo anche delle poche fortunate apparizioni quotidiane del social network e delle perplessità degli analisti sulle effettive capacità di business della piattaforma di Zuckerberg. Arrivano notizie anche di grandi inserzionisti americani, come General Motors, che hanno scelto di abbandonare la piattaforma di Zuckerberg.

Si legge da qualche parte, con una convincente spiegazione, che nel 2020 Facebook potrebbe scomparire. Nulla di particolare considerato che quest’anno sarebbe l’anno giusto per la fine del mondo, così come da profezia Maya e che anche queste notizie potrebbero avere la stessa attendibilità anche se, dal mio canto, non è tanto difficile che Facebook inizi il suo declino, considerato che 8 anni sono un’eternità per Internet e che, effettivamente, il “core business” potrebbe vacillare soprattutto dopo le pressioni di Wall Street. D’altronde gli stessi utenti che hanno risposto al sondaggio si sono detti molto più scettici nei riguardi di Facebook all’indomani del debutto disastroso in Borsa.

Che la luna di miele di Zuckerberg stesse finendo (non mi riferisco a quella che ha visto il fondatore di Facebook anche nei locali pubblici della capitale) lo si intuisce da alcune notizie quasi sempre dallo stesso tenore (negativo) che alcuni considerano speculative e altri, invece, allineate alle previsioni non certamente esaltanti per il sito delle facce.

Informazioni utili

Cosa vedere a   Dove dormire a

Informazioni su Anna Bruno 351 Articoli
Anna Bruno è giornalista professionista, muove i suoi primi passi come cronista a “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), tra i quali “Viaggi e Sapori” e “Gente Viaggi” e i maggiori magazine di tecnologie. Nel 1998 fonda l’agenzia di comunicazione e Digital PR “FullPress Agency” che edita, dal 2001, FullTravel.it, magazine di viaggi online e VerdeGusto, magazine di food & wine, dei quali è direttore responsabile. Appassionata di fuori rotta, spesso si perde in nuovi sentieri, tutti da esplorare. È autrice di “Chat” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Viaggiare con Internet” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Comunità Virtuali” (Jackson Libri, Milano, 2002), “Digital Travel” (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020),  “Digital Food”  (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020) e dell’e-book “Come scrivere comunicati efficaci”. È delegata dei giornalisti di viaggio delle Marche-Umbria-SUD del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica). Digital Travel & Food Specialist, relatrice in eventi del settore turistico e food e docente in corsi di formazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*