Il mare di Ischia vietato ai forestieri

Isola di Ischia
Isola di Ischia

Una volta, dalle mie parti, chi veniva da fuori veniva chiamato “forestiero”. Sia ben inteso, non era assolutamente un dispregiativo. Era semplicemente un appellativo per indicare una persona non nativa del luogo e che, appunto, veniva da fuori. In questi giorni d’estate, la cronaca italiana ci ha fatto conoscere un’iniziativa “particolare” intrapresa dal consorzio che gestisce le acque antistanti l’isola di Ischia rivolta, appunto,  ai “forestieri”. 

Ebbene, chi non “consuma” sull’isola non può ancorare la propria imbarcazione nelle acque ischitane. Il provvedimento sembra rispondere al motto di “salviamo le acque” dalle ancore che deturpano il paesaggio marino. Fino a quando c’è da salvare qualcosa, soprattutto la natura e le sue bellezze, sono sempre accanto di chi intraprende queste iniziative. Popolari o meno che siano. Quello che però non mi lascia tranquilla è la “soluzione” consigliata per poter beneficiare di una ormeggiata  nelle acque dell’isola: è sufficiente pernottare o consumare pasti nei ristoranti di Ischia, come a dire: con i soldi, tutto si risolve con il beneplacito della natura.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 414 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*