Il comparto viaggi sempre più in crisi, male il 2012

Vacanze
Vacanze

Un vecchio adagio dice che “il peggio deve ancora venire”. Alla fine del 2011, quando i bilanci sono venuti a galla, si è evidenziato un anno negativo per la macchina del turismo. Eppure, c’erano molti a giurare, appunto, che il peggio doveva ancora venire.

E’ il peggio è arrivato con la speranza che quest’anno , meglio se il primo semestre, sia da annoverare tra i peggiori per il comparto del turismo. Secondo la ricerca del Centro studi Fipe (Federazione italiana dei pubblici esercizi associata alla Confcommercio),  durante gli ultimi 5 anni si è assistita ad una discesa ripida del comparto turistico.

I problemi, secondo quanto rilevato dall’Ansa, sono dovuti soprattutto al fatto che molti italiani, sempre più in aumento, non si concedono più una vacanza. Inoltre, c’è la propensione di alcune categorie (operai, pensionati, etc.), a fare vacanze come si faceva venti anni fa.

Nel 2008 sono stati circa 17 milioni gli italiani che mediamente, per trimestre, hanno fatto  almeno un viaggio. Oggi, invece, il dato è sostanzialmente in calo visto che il numero di viaggiatori si assesta a 12,7 milioni. In pratica si è ritornati molto indietro con il modello vacanze. Una sola e per lo più durante l’estate, se tutto va bene. Infatti si è passati dal numero di vacanze pro-capite del 2008 di 1,8 all’1,1 del 2012. Le vacanze estive degli italiani, inoltre, si concentrano nel lasso di tempo che va da luglio a settembre ma anche il movimento estivo è decisamente a ribasso.

Nella consapevolezza che non è solo il comparto turistico a boccheggiare, questo stato di cose non fa bene sperare. Almeno non nel prossimo futuro.  Urgono strategie mirate ed un impegno maggiore anche dai rappresentanti istituzionali. Solo così il turismo, macchina produttrice di economia soprattutto nel nostro Paese, può tornare ai suoi fasti.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 397 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

1 Commento

  1. Concordo: è fondamentale che ci siano iniziative di tipo più mirato che provengano direttamente dalle istituzioni. Anche in un tempo di crisi come questo un paese ricco di meraviglie come il nostro può sperare in un miglioramento del comparto viaggi attraverso una giusta valorizzazione dell’infinità di luoghi, monumenti, musei e così via di cui disponiamo… E’ senza dubbio la qualità, oltre alla sua comunicazione adeguata, l’elemento su cui puntare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*