I fiordi norvegesi al TOP secondo National Geographic

I fiordi della Norvegia Occidentale hanno conquistato, in un’inchiesta condotta dal National Geographic, il primo posto fra i siti elencati come Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

La notizia è stata diffusa a Washington DC lo scorso 30 ottobre.
Il prestigioso riconoscimento è il risultato del sondaggio “Destination Scorecard Stewardship”, organizzato dal National Geographic Traveler e dal National Geographic Center of Sustainable Destinations, che ha visto gareggiare siti di prestigio indiscutibile quali la Muraglia Cinese, Galapagos, le piramidi d’Egitto, il Gran Canyon, Angkor Wat e Machu Picchu.
Una commissione di esperti internazionali ha valutato le località che meglio sono riuscite a conservare le caratteristiche per le quali hanno ricevuto, in precedenza, lo status di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
Una conservazione ben riuscita di tali caratteristiche riflette lo spirito del “geoturismo”, concetto definito dalla commissione come “turismo che sa sostenere e aumentare le caratteristiche geografiche del luogo visitato: l’ambiente, la cultura, l’estetica, il patrimonio e il benessere degli abitanti”.
Anche un’altra località norvegese, Bergen con il caratteristico quartiere di Bryggen, ha ottenuto un buon piazzamento nell’inchiesta, con il 10° posto, rientrando così nel gruppo “Destinations Doing Well”.
E, per concludere, quale miglior commento di quello di Jonathan B. Tourtellot, direttore del Center of Sustainable Destinations di National Geographic Society: “Questo sembra confermare che i norvegesi tendono a prendersi cura dei loro luoghi in confronto con il resto del mondo. Questa abilità dovrebbe essere studiata e applicata alle proprie realtà dai leader delle altre nazioni”.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Norvegia iscriviti alla nostra newsletter