Hallstatt, il villaggio austriaco in riva al lago sarà clonato dai cinesi

Hallstatt
Hallstatt

La notizia ha fatto il giro del mondo grazie alla rilevanza data da media come il “Washington Post”, “Telegraph.co.uk”, “BBC”, giusto per citarne alcuni. Hallstatt, splendido villaggio in riva ad un lago alpino, in Austria, è così piaciuto ai cinesi da clonarlo. I pochi abitanti di Hallstatt, circa 900, hanno appreso con incredulità la notizia proveniente dalla lontana Cina.

La bellezza di Hallstatt, è fuori discussione tanto che è sotto la protezione dell’Unesco da quindici anni. Fino ad un secolo fa il villaggio austriaco, nel distretto di Gmunden, era raggiungibile solo via lago.

Mentre nel paese austriaco il dibattito è in corso e i toni non sono affatto tranquilli, come nelle indole degli abitanti, a circa 9000 chilometri di distanza, architetti cinesi stanno studiando come clonare il grazioso villaggio.  L’arte del plagio, d’altronde, non è affatto sconosciuta in Cina dove, ogni oggetto, è perfettamente riproducibile.

Ma dall’oggetto ad un villaggio, non ci passa solo “il mare”, come recita un adagio popolare, ma anche “l’immaginazione” che, in questo caso, si è mostrata molto più realistica di quanto si potesse mai pensare.

Ed è così che presto Hallstatt vedrà la luce su uno specchio d’acqua che di alpino non ha affatto nulla, così come gli stessi abitanti dagli occhi a mandorla non ricorderanno in nessun modo gli austriaci dalla pelle chiara di discendenza europea. Perfino la lingua ha un suono e una discendenza  lontana anni luce da quella tedesca, anch’essa ostica, ma pur sempre completamente dissimile.

Tuttavia, nonostante le differenze così rilevanti, l’arte del clonaggio made in Cina, è qualcosa di irrinunciabile per il popolo cinese delle ultime generazioni nonostante la discendenza da civiltà nobili ed originalissime.  Il copia e incolla, dunque, si farà. E meno male che Hallstatt è sotto la tutela dell’Unesco.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 414 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

1 Commento

  1. I cinesi hanno rotto a sufficienza, gli abbiamo venduto il commercio nelle nostre città, ci stanno colonizzando e grazie alle liberalizzazioni di Bersani si compreranno tutto. Adesso clonano pure le cittadine più belle d’ Europa. E’ uno schifo !

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*