Venezia, Il Monastero di San Nicolò

Acquattato sull'estremità orientale, il Monastero di San Nicolò rappresenta il cuore storico e monumentale dell'isola, di cui era in gran parte proprietario fino alla metà del Settecento.

Il Monastero di San Nicolò a VeneziaIl Monastero di San Nicolò a Venezia

Le sue origini sono antichissime (1043-1053), nonostante il primitivo impianto romanico abbia subito nei secoli molti rimaneggiamenti.

Oltre che per la bella chiesa a navata unica, il cui coro sfoggia rilievi seicenteschi sulla vita di San Nicolò, per le opere firmate Palma il Vecchio e Palma il Giovane, l’elegante chiostro cinquecentesco e il campanile barocco, il convento è celebre perché conserva dal 1101, dopo un avventuroso trafugamento in Terrasanta e una millenaria contesa con i baresi, le reliquie di San Nicolò, vescovo di Myra e patrono dei naviganti.

Proprio nelle acque antistanti, si svolgeva un tempo, nel giorno della Sensa (l’Ascensione), lo Sposalizio del Mare. Una cerimonia carica di simbologie, durante la quale il Doge gettava in mare un anello dicendo:”Noi sposiamo te, o mare, in segno di vero e perpetuo dominio”.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Veneto Venezia iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*