Urbino, il Palazzo Ducale e il centro storico

Il cuore di Urbino è Palazzo Ducale, ricca e sontuosa residenza del duca Federico II da Montefeltro, uno degli esempi più alti di architettura rinascimentale, i cui lavori portano la firma di due architetti: Luciano Laurana, prima (1465) e Francesco di Giorgio Martini, poi (1472).

Oggi, il Palazzo, caratterizzato da singolari Torricini e da uno splendido Cortile d’Onore, è sede della Galleria Nazionale delle Marche, della Soprintendenza regionale ai Beni Artistici e Storici e del Museo Archeologico Urbinate. La Galleria Nazionale ospita capolavori assoluti come la “Flagellazione” e la “Madonna di Senigallia” di Piero della Francesca e la “Muta” di Raffaello Sanzio. Tra gli innumerevoli ambienti interni del Palazzo (<>, scrisse Montaigne), spiccano il Salone del Trono e lo Studiolo del Duca, con lo splendido rivestimento a intarsi e la serie di ritratti degli “Uomini Illustri”. Ma Urbino è piena di capolavori, basta setacciare strade e viuzze per rendersi conto che è una specie di città mosaico, le cui tessere portano i segni di una lunga storia artistica e culturale. Tra le tante, tappe da non perdere sono la Cattedrale dalla curiosa mole neopalladiana, ricostruita dopo il terremoto del 1784; la chiesa di San Domenico dallo splendido portale in travertino, con la copia della lunetta di Luca della Robbia; la chiesa medievale di San Francesco, con il campanile gotico e la grande pala d’altare di Federico Barocci; il cinquecentesco Oratorio di San Giuseppe; il rinascimentale Palazzo Albani; la Casa natale di Raffaello, la Fortezza Albornoz, dai cui spalti la vista spazia non solo sul Palazzo Ducale, ma anche su una magnifica quinta di colline.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Marche Urbino iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*