Reggia di Caserta, visita al Palazzo Reale e al Parco

Il Parco Reale di Caserta, anche conosciuto più diffusamente come Reggia di Caserta, è una delle meraviglie della Campania e del mondo intero, tanto che l'Unesco non ha esitato a proclamarlo Patrimonio dell'Umanità.

La Reggia di Caserta fu il capolavoro dell’architetto Luigi Vanvitelli, che iniziò a costruirla nel 1752, per volere di Carlo III di Borbone, colpito dalla bellezza del territorio casertano e desideroso di emulare la grandiosità delle dimore delle dinastie francesi, prima fra tutte, quella di Versailles. I lavori terminarono per la Reggia di Caserta nel 1774, sotto il regno di Ferdinando IV e consegnarono al committente un complesso da favola, composto dal Palazzo e da un ampio parco in cui si individuano due settori: il giardino all’italiana e quello all’inglese. Essendo uno dei più vasti edifici reali al mondo (ben 1200 stanze), la Reggia di Caserta si presta ad essere visitata anche a settori. Disponendo di poco tempo, si può, per esempio, ammirare il solo Palazzo, a cui si accede salendo i 116 gradini dell’imponente scalone d’onore. Di spicco, all’interno, gli arredi e le decorazioni degli appartamenti reali; la sfarzosa Sala del Trono, ricchissima di pitture e dorature; i curiosi oggetti d’epoca raccolti in alcune sale, tra cui anche le culle e i giocattoli dei piccoli Borboni. Singolare la camera di Gioacchino Murat, sopravvissuta anche in era post-napoleonica, tutta in stile Impero, con mobili in mogano e sedie con le iniziali dello stesso Murat. Entrati nell’immenso atrio a navate, si può anche optare per la visita al solo parco della Reggia di Caserta, che occupa una superficie di 120 ettari, disposti su un asse lungo circa 3 chilometri. Il tutto è un meraviglioso arabesco di siepi, boschi, prati, camminamenti, fontane, aiuole e prospettive grandiose, intervallate da piccoli edifici curiosi, come la Castelluccia, sorta di fortezza in miniatura, che servivano al divertimento e, forse, anche all’istruzione militare dei principi reali.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione CASERTA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*