Paesi di origine albereshe in Basilicata

Un viaggio in Basilicata, nella regione che fu di Orazio Flacco per conoscere da vicino alcuni centri dove il dialetto ha il suono dell'antico albanese.

Costumi albanesia San Costantino Albanese in BasilicataCostumi albanesia San Costantino Albanese in Basilicata

Barile, Maschito, Ginestra, San Costantino Albanese e San Paolo Albanese. Non una mera sequenza di comuni ma un gruppo di piccoli centri nella provincia di Potenza che hanno in comune una parte della propria storia.

Sono alcuni dei paesi dell’Italia meridionale dove la presenza di albanesi fuggiaschi dalla propria terra, proprio come accade oggi, è ancora presente negli usi e nei costumi della gente. Una contaminazione che ha conosciuto il passaggio inarrestabile del tempo ma non la cancellazione delle tradizioni ancora fortemente radicate nell’idioma e nelle memorie.

Barile, Maschito e Ginestra sono tre centri vicini fra loro situati in una delle zone più ricche della Basilicata. E’ qui, nel Vulture, che prende vita uno dei vini più importanti della tradizione italiana: l’Aglianico del Vulture.
In questa area della Basilicata, che si presenta con dolci colline spesso disegnate da filari di uva e da alberi di ulivo, i tre piccoli centri rappresentano una vera attrazione per il loro passato “albereshe” (da Alber-Arber) e per le loro cantine scavate nella roccia quasi a voler simboleggiare il vero connubio uomo-natura.

Dall’altra parte della piccola regione, a sud verso la Calabria e nel cuore del parco del Pollino, si nota la presenza di altri due piccoli centri di etnia albanese: San Costantino e San Paolo Albanese. Anche qui, sebbene la morfologia del terreno ha preservato maggiormente le influenze esterne essendo questa una zona più interna, la gente accoglie il turista curioso con una saluto in lingua antica albanese.

Festa in costume tipico - San Costantino Albanese, BasilicataFesta in costume tipico - San Costantino Albanese, Basilicata

San Paolo, inoltre, è il più piccolo paese della Lucania e si sta spopolando sempre più. Conta appena trecento anime ma conserva quel fascino che solo una terra secolare e fuori dalle vie del turismo di massa come la Basilicata, può concedere. La gente qui è umile, semplice e generosa e figlia di una classe contadina che ancora oggi si mostra fiera e ospitale.

Come si raggiunge il Pollino:
da Nord: A1 – Proseguire con la A3 uscita Lauria Nord. Proseguire sull Sinnica con uscita a Terranova del Pollino. Da Sud: A3 -uscita Lauria Nord. Imboccare la Sinnica fino ad uscire a Terranova del Pollino.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Barile Basilicata Ginestra Maschito San Costantino Albanese San Paolo Albanese iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 399 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*