Museo sannitico di Campobasso

Il Museo nasce nel 1881 e viene ospitato, insieme alla Biblioteca Provinciale, nel Palazzo della Prefettura. Si provvede ad una prima catalogazione del materiale a cura dell’archeologo Antonio Sogliano che ne pubblica nel 1889 l’Inventario.
Il Museo nasce nel 1881 e viene ospitato, insieme alla Biblioteca Provinciale, nel Palazzo della Prefettura. Si provvede ad una prima catalogazione del materiale a cura dell’archeologo Antonio Sogliano che ne pubblica nel 1889 l’Inventario. Da allora il Museo e la Biblioteca hanno conosciuto vicende alterne e molteplici cambi di sede fino al 1995, quando il Museo è stato allestito nei locali di Palazzo Mazzarotta. Il Palazzo, del XVI secolo, è inizialmente proprietà di un ordine o di una confraternita religiosa e diviene nel 1700 residenza di una famiglia agiata. La sua storia è riflessa nella distribuzione degli ambienti che rivela un disorganico succedersi di interventi costruttivi in cui si isolano il loggiato e il portale di chiara definizione ottocentesca.
Al suo interno l’esposizione museale si articola in cinque sezioni (organizzate secondo un criterio cronologico e tematico); l’originaria collezione ottocentesca, quella provinciale, comprendente circa 500 pezzi di varia provenienza, è inserita nel percorso delle cinque sezioni:

I sezione: Lungo le rotte adriatiche
– II sezione: La via dell’ambra
– III sezione: Gentes fortissimae Italiae
– IV sezione: Dai Sanniti ai Romani
– V sezione: I cavalieri avari

Informazioni su Museo sannitico di Campobasso

Via Chiarizia , 12
86100 Campobasso (Campobasso)
0874 431350
pm-mol@beniculturali.it
www.beniculturali.it
lunedì-domenica 8:30-14:30/ 15:00 alle 17:30
gratuito
 Fonte: MIBACT

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Campobasso Molise iscriviti alla nostra newsletter