Museo diocesano – sezione di Gallipoli

Museo diocesano - sezione di Gallipoli, GallipoliMuseo diocesano - sezione di Gallipoli, Gallipoli

La prima idea di un Museo diocesano in Gallipoli nacque da una felice intuizione del vescovo Mons. Aldo Garzia, il quale istituiva nel 1983 il Centro Diocesano di beni culturali dell’allora diocesi di Gallipoli, comprendente il museo, l’archivio storico e la biblioteca vescovile e gli destinava come sede l’immobile dell’antico Seminario di Gallipoli, rimasto ormai privo della sua funzione originaria. Ugualmente il medesimo vescovo faceva in data 24 giugno 1984 per l’allora diocesi di Nardò. Con l’unificazione delle due diocesi, anche il Museo diocesano è diventato un’unica realtà, con due distinte sezioni, una a Gallipoli e l’altra a Nardò. La sezione di Gallipoli è allocata in un immobile architettonicamente pregevole, realizzato da Mons. Serafino Brancone (1747-1759) nel 1751 allo scopo di dotare la diocesi di Gallipoli di un proprio seminario. Giunto fino a noi pressoché integro, per poter accogliere il Museo l’edificio aveva bisogno di un radicale restauro e del necessario adeguamento. L’intervento di restauro è iniziato nel 1999 e si è protratto fino al 2004. Il complesso museale occupa una superficie di circa 900 metri quadri distribuiti su tre piani con quindici sale espositive.

Informazioni su Museo diocesano – sezione di Gallipoli

Via Antonietta De Pace, 51
73014 Gallipoli (Lecce)
0833512690
museodiocesano.gallipoli@csipuglia.net
http://www.ameipuglia.it
Fonte: MIBACT


Informazioni utili

Cosa vedere a Gallipoli   Dove dormire a Gallipoli
Cosa visitare Gallipoli


Gallipoli Mappa

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione GALLIPOLI iscriviti alla nostra newsletter