Museo del tesoro di San Gennaro, Napoli

Il Museo è un Polo Museale di altissimo valore storico artistico, culturale e spirituale, dedicato alle straordinarie opere appartenenti al Tesoro di San Gennaro, sinora mai esposte, ed alla bellissima Sacrestia con gli affreschi, tra gli altri, di Luca Giordano ed i dipinti del Domenichino e di Massimo Stanzione.

Museo del tesoro di San Gennaro
Museo del tesoro di San Gennaro, Napoli

Il Museo è stato aperto al pubblico nel dicembre del 2003 grazie ad un progetto finanziato da aziende private, da fondi europei e dalle istituzioni locali, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica e su proposta della Deputazione della Real Cappella del Tesoro, istituzione tra le più antiche in Italia (nata nel 1601).

Il curatore del progetto è l’attuale direttore Paolo Jorio. Antichi documenti, oggetti preziosi, argenti, gioielli, dipinti di inestimabile valore, facenti parte del Tesoro di San Gennaro che, nel corso dei secoli, sovrani, Papi, uomini illustri o persone comuni hanno donato per devozione al Santo, hanno trovato e troveranno in questa sede una propria collocazione e soprattutto consentono, in varie fasi, l’allestimento di mostre tematiche, seguendo un percorso logico raro e straordinario.

L’ attuale esposizione riguarda Gli Argenti, una collezione unica al mondo che va dal 1305 sino ai giorni nostri e che, grazie all’opera della Deputazione della Real Cappella del Tesoro di San Gennaro, è giunta intatta a noi non subendo alcuna spoliazione (per finanziare guerre) e nessun furto. Una collezione che, a parte un solo capolavoro di scuola provenzale, è tutta opera dei grandi artigiani napoletani e ne testimonia l’abilità, la maestria, la straordinaria capacità tramandata nei secoli.

Il percorso museale è accompagnato da un itinerario sonoro che parte, nella prima sezione, dalle voci dei vicoli di Napoli, a sottolineare la forte appartenenza e aderenza con le radici della città, per poi articolarsi in una preghiera a San Gennaro nella sezione in cui sono esposti i busti d’argento dei compatroni che accompagnavano la processione del Santo e, nella terza sezione, dove è esposto il reliquario del sangue donato nel 1305 da Carlo d’Angiò e che ancora oggi trasporta le ampolle del sangue in processione, è il canto evocativo delle parenti di San Gennaro a raccontarci il miracolo della liquefazione.

Al secondo piano si accede alle Sacrestie, mai aperte al pubblico per quattro secoli e che oggi, grazie al Museo, è possibile ammirare in tutta la loro straordinaria bellezza.

Cerca offerte lastminute

Compariamo compagnie aeree ed agenzie di viaggio alla ricerca del miglior prezzo

Campania cosa fare


 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione CAMPANIA iscriviti alla nostra newsletter