Marsa Matrouh, vacanze sulle spiagge di Cleopatra

Distante circa 250 chilometri da Alessandria, Marsa Matrouh è un'importante meta turistica dell'Egitto settentrionale. La città di Marsa Matrouh, protetta da una concatenazione di rocce e da una baia circolare, è frequentata sia dai turisti stranieri (soprattutto italiani) che dalla classe media locale.

Atterrati all’aeroporto internazionale di Marsa Matrouh, possiamo ammirare spiagge talmente incantevoli da essere paragonate a quelle appartenenti al paradiso caraibico. Il bianco e la morbidezza della sabbia bagnata da uno splendido Mar Mediterraneo, infatti, offrono uno spettacolo per gli occhi e un vero piacere per il corpo.

Nonostante l’area alberghiera si sia sviluppata di recente, la bellezza del litorale di Marsa Matrouh non è per niente affare moderno tant’è che la località è oggetto di una leggenda alquanto diffusa che la lega a Cleopatra. Secondo quanto tramandato, infatti, la regina egiziana – insieme al suo amato Marco Antonio– era solita fare il bagno in questi luoghi.

La spiaggia di Cleopatra, situata precisamente sul lato opposto della laguna di Marsa Matrouh, si caratterizza (oltre che per il suo biancore) per i cosiddetti bagno di Cleopatra e la Sfinge. Il primo è una grande roccia scavata dall’acqua al cui interno vi è una piscina naturale dove, si dice, la regina egiziana amava rilassarsi. La seconda, invece, è uno scoglio dalla forma rievocante proprio la nota Sfinge di Giza. In questi luoghi, inoltre, sono stati ritrovati i resti di uno dei palazzi reali il quale sembra avesse un passaggio sotterraneo che lo collegava direttamente alla spiaggia, forse per permettere romantiche nuotate notturne.

Sul versante antistante la spiaggia di Cleopatra si colloca la caverna di Rommel, ovvero il luogo nel quale il generale tedesco fissò il centro di comando delle manovre belliche per la battaglia di El-Alamein durante la seconda guerra mondiale. La grotta oggi è un piccolo museo di indumenti, strumenti ed altri reperti appartenuti a 'la volpe del deserto' e la spiaggia attigua è aperta al pubblico.

Tra i bellissimi lidi di Marsa Matrouh si segnalano anche quello di Agiba (con la sua bianca sabbia, il suo panorama mozzafiato e il suo piccolo bar nel quale sorseggiare bevande fresche) e di Gharam (la spiaggia più grande, il cui nome vuol dire 'costa dell'amore' vista la sua poca visibilità rispetto agli altri lidi).

Nelle ore più calde il lungomare di Marsa Matrouh è piuttosto desolato, mentre con il fresco serale si popola di turisti che acquistano spezie, abiti colorati e bottigliette personalizzabili con sabbia colorata.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione MARSA MATROUH iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*