La Notte dei Falò a Castellana Grotte in Puglia

Ogni anno a Castellana Grotte, in Puglia, si celebra un rito propiziatorio assai antico: la Notte dei Falò.

A metà strada tra il sentimento religioso, il folklore e il rito propiziatorio, ogni anno nel mese di gennaio a Castellana Grotte si perpetua la celebrazione della Notte dei Falò.
La cittadina della Puglia nota per le sue meravigliose ed antichissime cavità sotterraneee si colora dei riflessi regalati dall’accensione di enormi pile di legna e materiale apposito, diventando ancor più suggestiva.
La Notte dei Falò si svolge ogni 11 gennaio a Castellana Grotte e nasce come festa popolare per ringraziare la Madonna della Vetrana per i suoi prodigi verso la popolazione locale.
Uno dei luoghi in cui viene sistemato un alto ed imponente falò è la Piazzetta della Matrice San Leone Magno, centro delle celebrazioni che attirano ogni anno migliaia di visitatori.
Oltre all’aspetto indubbiamente interessante dal punto di vista antropologico, religioso e folkloristico, la Notte dei Falò – o Notte delle Fanove – non manca di riservare ai presenti l’occasione per assaggiare prodotti tipici enogastronomici della zona: molti sono i punti dove poter assaporare vini, cereali abbrustoliti, taralli e dolci tipici.
Non solo: alcuni frantoi di Castellana Grotte nel corso della Notte dei Falò consentono degustazioni dell’olio nuovo, magari consumato per condire amabilmente le ottime bruschette proposte sugli stand.
La Notte dei Falò è la manifestazione più popolare e vivace del culto della Madonna della Vetrana la quale il giorno successivo – dunque ogni 12 gennaio – viene poi portata in processione verso la Chiesa Madre, dove resterà per alcuni giorni.
Per organizzare una visita a Castellana Grotte, è possibile selezionare ulteriori informazioni sul portale ufficiale www.comune.castellanagrotte.ba.it/turismo.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Castellana Grotte Puglia iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*